La Francia prevede di espellere migliaia di migranti dall’isola di Mayotte

La Francia prevede di espellere migliaia di migranti dall’isola di Mayotte

Agenti francesi pattugliano uno slum a Mayotte

Notizie ONS

  • Eva de Vries

    editore straniero

  • Eva de Vries

    editore straniero

Mayotte dista ottomila chilometri da Parigi; chiamata anche la ‘Lampedusa dell’Oceano Indiano’. L’isola tropicale tra il Madagascar e il Mozambico è uno dei dipartimenti francesi d’oltremare: un pezzo dell’Unione europea al largo della costa dell’Africa orientale.

Ogni anno, migliaia di persone cercano di raggiungere l’isola su barche traballanti, sperando in un futuro migliore. Molti muoiono nel processo. Morto un mese fa 34 immigrati quando la loro barca ha avuto problemi a nord del Madagascar.

Per combattere la migrazione a Mayotte, il governo francese vuole lanciare uno di questi giorni con “Operation Wuambushu”, che significa “prendere il controllo” in una delle lingue locali dell’isola. Il Paese vuole 20mila migranti senza permesso di soggiorno estendere, e di “spazzare” parte delle baraccopoli, dove vivono molti migranti. Altri cinquecento soldati francesi furono chiamati per assistere gli agenti locali nell’operazione.

Gli abitanti delle baraccopoli trattengono il fiato. In uno slum della capitale Mamoudzou alcune abitazioni sono già state segnate. “Viviamo in una tensione costante”, ha detto Fatima al BBC“Questo posto sta per essere raso al suolo, non abbiamo scelta.”

La maggior parte delle persone viaggia dalle Comore e dal Madagascar a Mayotte

Il numero di persone che si imbarcano su una barca per Mayotte è in aumento. La metà degli oltre 300.000 abitanti dell’isola ora proviene dall’estero. La maggior parte proviene dalle vicine Comore, in particolare dall’isola più vicina di Anjouan. Gran parte del resto viene dal Madagascar. Ma anche persone provenienti da paesi molto più lontani, come Ruanda, Burundi e Repubblica Democratica del Congo, stanno segnalando in ritardo OFPRAl’ente governativo francese che elabora le domande di asilo, ha detto a NOS.

READ  Il capo della NATO avverte che la guerra può degenerare in un conflitto più ampio: "Se va male, può andare male" | All'estero

La maggior parte delle stesse regole si applicano a Mayotte come nel resto dell’Unione Europea, ma non fa parte della zona Schengen. Non è quindi possibile viaggiare in altri paesi dell’UE. Solo pochi hanno la fortuna di recarsi in Francia per lavorare o studiare. Tuttavia, Mayotte è una destinazione attraente per i migranti della regione. L’isola è molto più povera dell’Europa, ma più ricca dei paesi africani circostanti.

Secondo il governo francese, il gran numero di migranti sull’isola causa molti problemi. Soprattutto nei bassifondi, ci sarebbe molta violenza e la povertà aumenterebbe. Ci sono anche troppo poche scuole e ospedali.

La Francia cerca di combattere l’immigrazione clandestina pattugliando via nave e via aerea. Sulle rotte marittime intorno all’isola, le guardie di frontiera respingono regolarmente le barche dei migranti. Negli ultimi anni, circa 24.000 persone all’anno sono state deportate dalla Francia, principalmente nell’isola comoriana di Anjouan. A questo si aggiunge l’operazione “Wuambushu”.

Il ministro francese dell’Interno e d’oltremare Darmanin durante una pattuglia di frontiera vicino a Mayotte

Le organizzazioni per i diritti umani esprimono la loro garantire sull’operazione annunciata. La Commissione francese per i diritti umani del CNCDH chiede al ministro dell’Interno e dei territori d’oltremare, Gérald Darmanin, in una lettera per evitare la deportazione di massa. E UNICEF chiede un’attenzione particolare ai bambini che ne soffriranno.

Questa settimana si svolgeranno manifestazioni contro l’operazione in diverse città francesi. Gli attivisti ritengono che la Francia non dovrebbe interferire con i migranti a Mayotte, il paese si comporterebbe in modo neocoloniale.

L’attivista e giornalista Maeva Amir segue da vicino l’evolversi della situazione ed è presente durante le manifestazioni:

Anche l’arcipelago delle Comore, a cui un tempo apparteneva Mayotte, lo è arrabbiato. Le autorità hanno chiesto alla Francia di annullare l’operazione. Ciò violerebbe i diritti umani e danneggerebbe le relazioni tra la Francia e le Comore.

Allo stesso tempo, le organizzazioni locali di migranti e per i diritti umani sono meno esplicite. Temono che la situazione si ripeta nel 2021, quando i rivoltosi hanno bloccato l’ufficio di La Cimade, un’organizzazione di rifugiati che aiuta i migranti a Mayotte.

La domanda è se la Francia raggiungerà il suo obiettivo con l’operazione Wuambushu. Anche le deportazioni precedenti non hanno portato a una diminuzione della migrazione. Perché nonostante i rischi, da qualche parte, nelle Comore, in Madagascar o anche più lontano, le persone stanno già programmando il loro viaggio in questo piccolo pezzo d’Europa nel mezzo dell’Oceano Indiano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *