I disturbi mestruali nei migliori atleti sono “un tabù e una lacuna nelle conoscenze mediche”

I disturbi mestruali nei migliori atleti sono “un tabù e una lacuna nelle conoscenze mediche”

Scatti professionali

I NOSTRI Sport

  • Anna van Eijk

    editore NOS Sport

  • Anna van Eijk

    editore NOS Sport

“È un tabù”, assicura senza dubbio Emma Paternotte, ginecologa in formazione. Risponde alla domanda sul perché i migliori atleti raramente parlano di problemi mestruali, quando possono davvero influire sulle loro prestazioni.

Jutta Leerdam, invece, lo era onestamente due settimane fa dopo la sua medaglia d’oro in Coppa del Mondo nei 1.000 metri a Calgary. La pattinatrice di 23 anni ha spiegato perché è quasi svenuta durante un’intervista poco dopo la sua gara.Sabato ho avuto un periodo molto brutto e ho perso molto sangue. Questa volta ero così stufo”.

Giocatore di tennis, tra gli altri Zheng Qinwen e il nuotatore Fu Yuanhui l’ha preceduta e ha detto rispettivamente al Roland Garros e alle Olimpiadi di Rio che hanno combattuto problemi di salute durante i loro periodi.

poca ricerca

C’è ancora molto da guadagnare in questo settore, conosci Paternotte e il medico sportivo tirocinante Merel Wielink. Paternotte: “Quello che ci colpisce è che circa l’80% degli studi viene effettuato con atleti maschi, mentre ai Giochi di Tokyo (per la prima volta) la metà dei partecipanti erano donne. Allora perché non ne sappiamo di più?” Perché non ci sono più studi su questo?

“Le donne sono un po’ indietro in questo senso e quindi le mestruazioni sono ancora un tabù, quindi se ne sa ancora meno”, aggiunge Wielink. “Quindi sì, è una lacuna nelle conoscenze mediche.”

Guarda l’intervista in cui Jutta Leerdam vacilla di seguito.

Leerdam vacilla un po’ dopo i 1.000 metri d’oro: “Vedi punti completamente neri”

Wielink, ad esempio, ha pubblicato un questionario nel 2020 e hanno risposto 1.328 atleti, inclusi atleti professionisti, competitivi e ricreativi. “Ha dimostrato che gran parte si lamenta durante le mestruazioni e quindi si comporta meno bene, ma una parte si comporta anche meglio”.

Leontien van Moorsel, ad esempio, una volta ha detto di aver deliberatamente pianificato il suo attacco – riuscito – al record mondiale dell’ora durante il suo periodo mestruale, perché la sua soglia del dolore è quindi, secondo le sue stesse parole, più alta.

senza regole

Secondo Paternotte e Wielink, ci sono anche molti atleti di alto livello che non hanno le mestruazioni. «Le atlete lo vedono bene, perché poi non hai il ciclo e non devi tenerne conto. Ma dal punto di vista ormonale fa male», spiega Paternotte, ginecologo in formazione.

Può avere effetti negativi sulla tua salute, ma anche sulle tue prestazioni atletiche.

Merel Wielink, medico sportivo in formazione, sulla mancanza di mestruazioni

Paternotte: “Perché le mestruazioni fanno parte del tuo ciclo e in molti casi, ad esempio, riducono il rischio di malattie cardiovascolari, nessuna decalcificazione ossea e un recupero più rapido. E se non hai più il ciclo, è il risultato di più processi nel tuo corpo non funziona correttamente e alla fine smetterai di avere il ciclo.”

L’assenza di mestruazioni è in parte dovuta al peso dell’atleta e all’intensità dell’allenamento. Paternotte: “Più ti alleni, più possibilità hai”.

“Sappiamo che se hai un apporto energetico troppo basso, alcuni processi corporei entrano in modalità a basso consumo energetico”, afferma Wielink. “Proprio come quando non carichi correttamente la batteria del telefono. Poi alcune app iniziano a funzionare più lentamente. Questo succede anche al tuo corpo. Una delle cose che possono succedere è che il tuo ciclo diventi irregolare o si interrompa completamente. È un segno che il tuo bilancio energetico sta andando nella direzione sbagliata.”

READ  DA ZERO A DIECI - ZERO ERRORI, DIECI ALLA SORPRESA DELLA GIORNATA

AFP

Zheng Qinwen viene curato in pista

“Questo può avere effetti negativi sulla tua salute, ma anche sulle tue prestazioni atletiche”, afferma Wielink. “Possiamo aiutare le atlete rendendole consapevoli che il ciclo mestruale è davvero importante”.

Pillola contraccettiva

Circa la metà degli atleti usa la pillola anticoncezionale, afferma Wielink. “Alcuni lo fanno per controllare i tempi delle mestruazioni.” Con la pillola puoi, tra le altre cose, assicurarti di non avere il ciclo durante una partita importante.

Eppure, secondo Paternotte e Wielink, questo non è il Santo Graal. “Con la pillola, puoi creare un periodo, creare un’emorragia, indipendentemente dal fatto che tu stia bene con i tuoi ormoni”, ha detto Paternotte. “Quindi non sai più se qualcuno ha anche un ciclo di propria iniziativa. Quindi mascheri possibili problemi.”

Wielink: “Preferirei che un atleta avesse solo un ciclo normale, in modo da poter tenere d’occhio il bilancio energetico. In altre parole, se le mestruazioni sono presenti o scompaiono”.

Insieme al centro di conoscenza Sport & Gyn, Paternotte, Wielink – insieme a Floor Sibrandi e altri ginecologi e medici sportivi – cerca di sensibilizzare le atlete su possibili problemi ginecologici e aiutarle a ottenere prestazioni migliori.

Alla porta del knowledge center hanno ormai bussato diversi (top) atleti. “Ad esempio, se notiamo che qualcuno ha un bilancio energetico negativo e non ha più le mestruazioni, possiamo aiutarlo. E puoi immaginare: se hai di nuovo abbastanza energia, ne beneficerà la tua salute. e le tue prestazioni.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *