Le alghe brune rimuovono la CO2 dall’aria e la trasformano in qualcosa di molto sgradevole (e questa è una buona notizia!)

Le alghe brune rimuovono la CO2 dall’aria e la trasformano in qualcosa di molto sgradevole (e questa è una buona notizia!)

Grazie a una sostanza viscosa e sgradevole, le alghe brune possono immagazzinare nell’oceano quasi l’equivalente delle emissioni annuali di gas serra della Germania per lungo tempo ogni anno.

Le alghe brune sono delle vere piante miracolose. Possono assorbire l’anidride carbonica (CO2) dall’aria come nessun altro. Sono anche meglio delle foreste per questo! Le alghe brune giocano quindi un ruolo decisivo nella composizione dell’atmosfera e sono fondamentali per il nostro clima. Ma… cosa succede realmente a tutta quella CO2 dopo che le alghe l’hanno consumata?

CO2
Sappiamo che le alghe assorbono CO2 dall’atmosfera. Quindi usano il carbonio per crescere. Rilasciano quindi circa un terzo del carbonio che assorbono nell’acqua di mare, ad esempio sotto forma di escrezioni zuccherine. A seconda della struttura di queste escrezioni, viene rapidamente assorbito da altri organismi o affonda sul fondo del mare.

L’oceano: un importante serbatoio di carbonio
Quando la CO2 viene immagazzinata, non contribuisce più, temporaneamente o permanentemente, al cambiamento climatico. In questo caso si parla anche di carbon sink. Le aree boschive e gli ecosistemi simili sono considerati uno dei più importanti serbatoi di carbonio del nostro pianeta. Il più grande deposito di carbonio sulla Terra è l’oceano. Quasi il 40% della CO2 rilasciata nell’atmosfera dalla combustione di combustibili fossili dalla rivoluzione industriale è stata assorbita dall’oceano.

In un nuovo studio, i ricercatori hanno esaminato più da vicino l’escrezione zuccherina del fucus (una specie di alghe brune). “È una sostanza molto complessa e quindi incredibilmente complicata da studiare”, afferma il ricercatore Hagen Buck-Wiese. “Tuttavia, siamo riusciti a sviluppare un metodo per analizzarlo in dettaglio”.

Fucoidano
Utilizzando il metodo avanzato, i ricercatori hanno scoperto una serie di sostanze nell’escrezione zuccherina. Ma il cosiddetto fucoidan, una sostanza viscosa, ha attirato maggiormente l’attenzione. “Fucoidan rappresenta circa la metà dell’escrezione di bladderwrack”, spiega Buck-Wiese.

Fucus vesciculosus (Fucus vesiculosus) è un’alga bruna del genere Fucus e raggiunge una dimensione di circa 30 centimetri. Lo troverai principalmente lungo la costa, attaccato alle rocce. Bladderwrack prende il nome dalle caratteristiche bolle di gas sferiche che gli conferiscono la galleggiabilità e sono chiaramente visibili in questa foto. Immagine: Istituto Hagen Buck-Wiese/Max Planck per la microbiologia marina

I ricercatori hanno scoperto che il fucoidano è una molecola abbastanza “recalcitrante”. “È così complesso che è difficile da assorbire e utilizzare per altri organismi”, afferma Buck-Wiese. “Nessuno sembra davvero arrabbiato per questo.”

READ  Il cielo notturno febbraio 2023 | Eventi di astronomia di febbraio | Eventi astronomici oggi | cielo stanotte

AIDS
Insomma, l’alga bruna estrae CO2 dall’aria e la trasforma in qualcosa di molto sgradevole, fucoidan per la precisione. E poiché pochi organismi come questo, il carbonio della melma non ritorna rapidamente nell’atmosfera. “Questo rende le alghe brune particolarmente utili per rimuovere la CO2 atmosferica”, conclude Buck-Wiese. “E questo a lunghissimo termine, pensa a centinaia o migliaia di anni.”

Produttivo
Anche le alghe brune sono straordinariamente produttive. Si stima che assorbano circa 1 gigatonne (un miliardo di tonnellate) di CO2 all’anno dall’aria. Dati i nuovi risultati, ciò significa che a lungo termine il fucoidan sequestrerà 0,15 gigatonnellate di carbonio (corrispondenti a 0,55 gigatonnellate di anidride carbonica) all’anno nell’oceano dalle alghe brune. In confronto, le emissioni annuali di gas serra della Germania ammontano attualmente a circa 0,74 gigatonnellate di anidride carbonica.

I risultati indicano che le alghe brune potrebbero essere un’arma importante nella nostra lotta contro il cambiamento climatico. Poiché sono così bravi a rimuovere la CO2 dal ciclo globale, possono dare un importante contributo al rallentamento del riscaldamento globale. I ricercatori hanno ora in programma di sottoporre a un’ispezione più attenta altre alghe brune. “Il grande potenziale delle alghe brune nella nostra lotta contro il cambiamento climatico deve assolutamente essere ulteriormente esplorato e sfruttato”, conclude Buck-Wiese.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *