I letti ospedalieri in Francia restano vuoti per mancanza di personale

I letti ospedalieri in Francia restano vuoti per mancanza di personale

La Francia sta affrontando un’enorme carenza di personale medico. Un intero ospedale di Parigi chiude i battenti questa settimana per mancanza di personale.

“Ci stiamo avviando verso l’estate più difficile che abbiamo mai visto in Francia”, ha affermato il presidente della federazione ospedaliera FHF, Frédéric Valletoux. “Tre quarti degli ospedali ora stanno curando meno pazienti del normale”.

Circa 120 delle oltre 600 stazioni di soccorso in Francia stanno lavorando con una capacità inferiore al solito, o si stanno preparando, secondo i dati del settore. “Questo non è mai stato visto prima, porterà alla morte”, ha affermato Patrick Pelloux, presidente della federazione dei medici di emergenza.

I problemi sono in parte causati da una carenza strutturale di personale sanitario. Inoltre, negli ultimi due anni, molti operatori sanitari hanno smesso di lavorare a causa della corona. Il Dipartimento della Salute ha condotto un sondaggio alla fine dell’anno scorso e ha rilevato che il numero totale di infermieri è diminuito di 784 in un mese, principalmente perché le persone stavano dimettendo.

Inoltre, ci sono preoccupazioni per l’estate. Il personale infermieristico ancora in servizio andrà poi in parte in ferie. Quindi una buona cura non poteva più essere garantita.

Limite critico

Il dolore si fa già sentire a Parigi. L’ospedale geriatrico La Collégiale ha chiuso l’anno scorso un servizio da 14 posti letto. Tre mesi fa sono scomparsi altri 40 posti letto. E da oggi verranno evacuati i pazienti che si trovano negli ultimi ottanta posti letto, dopodiché l’ospedale chiuderà. “E nessuno sa se e quando le porte riapriranno”, ha detto un portavoce del sindacato.

READ  Omicidio in albergo e brutale attentato a Copenaghen: la polizia danese cerca un olandese (24 anni) | Interno

“Stiamo affrontando una grave carenza di personale da mesi. Abbiamo bisogno del doppio di infermieri rispetto a oggi”, ha affermato la direzione dell’ospedale. “Entro l’estate, raggiungeremmo davvero il nostro limite critico”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *