I media internazionali vedono ‘Mad Max’: ‘Verstappen si è morso e non si è lasciato andare’

I media internazionali vedono ‘Mad Max’: ‘Verstappen si è morso e non si è lasciato andare’

La seconda gara della stagione ha visto un’altra fantastica battaglia tra Max Verstappen e Charles Leclerc. Durante il Gran Premio del Bahrain il pilota della Red Bull Racing aveva già lottato, ma si era sempre innamorato della tattica di Leclerc. Inoltre, l’olandese ha dovuto interrompere presto la sua corsa. In Arabia Saudita è tornata ad essere una partita a scacchi tra i due piloti ed è stato finalmente Verstappen a poter chiamare scacco matto. Il pilota sta già ricevendo riconoscimenti in Olanda, ma le capacità di Verstappen sono apprezzate anche a livello internazionale. F1 Massimo sistemalo.

La Gazzetta dello Sport definisce la lotta tra Verstappen e Leclerc “una battaglia banale”. “Dal giro 41 è stata un po’ una bagarre fino alla fine della gara. Tutti hanno potuto rilanciare la lotta iniziata in Bahrain. Verstappen alla fine ha vinto ed è stato in grado di lavare via il cattivo retrogusto del Gran Premio del Bahrain. Tuttavia, il quotidiano italiano vede un duo d’oro in Leclerc e Ferrari. “Leclerc tiene le persone incollate alla TV. Di nuovo ha guidato in modo incredibilmente intelligente.

Tuttavia, il giornale rosa ha visto che Verstappen aveva ragione a prenotare la vittoria. Il giornale fa tanti complimenti al campione del mondo di Formula 1. “La sua vittoria era ben meritata e l’ha fatta in modo spettacolare. Questo duello è stato indimenticabile. La Gazzetta Dello Sport vede che i nuovi regolamenti hanno aiutato in questa lotta. “Dimostra che la Formula 1 ha imboccato la strada giusta. Le gare ora si decidono con i sorpassi. Se Alexander Albon non fosse caduto in uno degli ultimi giri, la festa tra Verstappen e Leclerc sarebbe durata ancora di più.

READ  Wim Jonk porta Carel Eiting all'FC Volendam | Calcio

AS: “Verstappen ha studiato”

“Così dovrebbe essere ogni gara”, dice lo spagnolo CENERE. Il quotidiano ha visto una lotta leggendaria tra i due coetanei, ma allo stesso tempo si chiede se i fan siano pronti per questo. “Presto avremo un’altra stagione in cui il campionato si deciderà solo nell’ultimo round”. vedere di nuovo CENERE altrimenti beneficia solo della feroce lotta. Questa battaglia è durata fino all’ultimo round. Leclerc ha condotto metà gara ma è stato inseguito da “Mad Max”. Ha morso il pilota della Ferrari e non lo ha mollato.

Ci volle un po’ prima che Verstappen superasse Leclerc. Nonostante questo, il pilota non si è mai arreso e grazie al DRS si è sempre avvicinato al suo concorrente. Il quotidiano spagnolo rileva che Verstappen ha imparato dalle sue precedenti manovre di sorpasso. “Charles è già riuscito a tornare a Verstappen prima e nella seconda azione era semplicemente troppo lontano. Ma Verstappen studiò Leclerc e al terzo tentativo completò il suo attacco. Ha bloccato Leclerc e ha vinto.

Verstappen si vendica del Bahrain

“Il campione del mondo è tornato”, scrive Il gruppo† La squadra francese vede Verstappen vendicare il frustrante weekend in Bahrain. “Il pilota della Red Bull è riuscito a reagire nel miglior modo possibile.” Il quotidiano francese ha soprattutto belle parole sul duello tra Verstappen e Leclerc. I due piloti di 24 anni hanno fatto di tutto per far sembrare Lewis Hamilton un secchione di 37 anni. La battaglia tra i due è davvero cruenta.

I nuovi protagonisti del titolo

Per Il guardiano è già chiaro chi si batterà per il titolo mondiale. L’anno scorso era ancora tra Verstappen e Hamilton, ma il pilota Mercedes non fa più parte della lotta. “C’est clairement entre Verstappen et Leclerc. Hamilton n’a d’autre choix que de se battre au milieu de terrain. Le journal britannique note également que la nouvelle génération a le vent en poupe. “La Formule 1 est entre de bonnes mani. I piloti stanno dimostrando che non vogliono solo essere i più veloci, ma anche i più intelligenti”. Il guardiano

READ  Due su due: Dylan Groenewegen ancora il più veloce al Giro di Slovenia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *