I ministri dello Sri Lanka propongono le dimissioni del presidente e del primo ministro |  All’estero

I ministri dello Sri Lanka propongono le dimissioni del presidente e del primo ministro | All’estero

Lo ha annunciato oggi il ministro dell’Istruzione. Non è ancora noto se il presidente abbia accettato le dimissioni.

Tra i ministri che hanno rassegnato le dimissioni c’erano altri tre membri della potente famiglia Rajapaksa. Hanno gestito i portafogli Finanza, Agricoltura e Sport.

Il presidente ha dichiarato lo stato di emergenza in Sri Lanka sabato dopo giorni di proteste e ha imposto il coprifuoco da sabato sera a lunedì mattina. A circa 750 manifestanti, inclusi parlamentari compreso il leader dell’opposizione Sajith Premadasa, non importava.

Hanno manifestato a Colombo, la città più grande del Paese, contro l’inflazione e le politiche economiche del presidente, tra le altre cose. Molti manifestanti hanno chiesto la cacciata della famiglia Rajapaksa, che è tornata al potere da novembre 2019.

I social media come Facebook, Twitter e YouTube non sono più o a malapena accessibili nel paese, secondo il Daily Mirror.

L’inflazione in Sri Lanka è ora intorno al 19%. Il paese soffre anche di carenze di energia, cibo, medicine e carburante. L’isola di 22 milioni di persone ha visto evaporare il 70% della sua valuta in due anni e non può più permettersi l’importazione di prodotti essenziali.

Lo Sri Lanka si è già rivolto alla Cina, all’India e al Fondo monetario internazionale (FMI) per chiedere aiuto. L’India sta aiutando con un prestito di 900 milioni di euro per spedire riso e altri beni essenziali in Sri Lanka, tra le altre cose. Il riso è già due volte più costoso di un anno fa.

READ  La polizia statunitense pubblica il filmato dell'arresto mortale di un uomo di colore | All'estero

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *