Proteste durante la pesante festa nazionale australiana

Proteste durante la pesante festa nazionale australiana

PAPÀ

Notizie ONS

  • Mike Wijer

    corrispondente dall’Australia

  • Mike Wijer

    corrispondente dall’Australia

Oggi in diverse città australiane si sono svolte proteste contro la festa nazionale australiana. Invasion Day, Survival Day, Mourning Day: alcuni degli altri nomi con cui il giorno libero è conosciuto in Australia. “L’abbiamo sempre chiamato Invasion Day a casa”, ha detto l’uomo di Wiradjuri Heath Riley. È con i suoi figli Rocco (10) e Tex (8) a una grande protesta nel centro di Sydney.

La strada è stata bloccata per le migliaia di manifestanti che attraversano la città. “Il 26 gennaio riguarda la nostra storia, la nostra cultura. Non è un giorno da festeggiare, è un giorno per ricordare i nostri antenati. Voglio trasmetterlo ai miei figli”, dice Riley.

Video online della Giornata dell’Australia

L’Australia Day non esiste da tanto tempo: è solo dal 1994 che il 26 gennaio è festa nazionale. È famoso che nel 1788 una mosca britannica sbarcò a Sydney. Il paese passò poi nelle mani degli inglesi e da allora è stato conosciuto come “Australia”.

terra di nessuno

Per la popolazione aborigena originaria, questo significò l’inizio di molta miseria. L’Australia ha una sanguinosa storia coloniale. I coloni britannici ignorarono la presenza della comunità aborigena quando arrivarono e stabilirono che l’Australia terra zero era: terra di nessuno. Pertanto, nessun trattato è stato stipulato con la popolazione originaria. I popoli indigeni sono stati massacrati, privati ​​e oppressi per anni.

Politica del governo razzista

La comunità indigena ora rappresenta solo circa il tre per cento della popolazione. Anni di politiche governative razziste li hanno messi in una posizione di svantaggio nell’assistenza sanitaria, nell’istruzione e nel mercato del lavoro.

La discussione sulla posizione della popolazione indigena è in cima all’agenda di quest’anno. Tra pochi mesi sarà organizzato un referendum per inserire nella costituzione un voto della comunità aborigena, garanzia elettorale degli albanesi del centrosinistra.

Mark Allerton (67) spera che gli australiani votino sì. Indossa un cappello di paglia e tiene in mano un’insegna dipinta da sé con sopra il testo L’Australia ha bisogno della voce. “Dà alla comunità indigena l’opportunità di influenzare le politiche che la riguardano direttamente”, afferma.

Di ritorno dalla terra

La popolazione è ancora molto divisa su questo emendamento costituzionale. Il partito di opposizione conservatore è molto critico, ma non confermerà se sia favorevole o contrario. E mentre inizialmente c’era molto sostegno al piano, ora ci sono anche critiche da parte della popolazione indigena. Alcuni attivisti vogliono prima un accordo di restituzione della terra e un trattato.

Ma secondo recenti sondaggi, la maggioranza è ancora in ritardo rispetto alla data della festa nazionale. Inoltre, non tutti vogliono staccarsi dalle feste e dalle tradizioni attuali. “Sono orgoglioso del mio paese e della mia cultura”, afferma William Davison (20). È venuto a Sydney con sua madre per partecipare ai festeggiamenti al porto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *