I politici della Florida si vendicano della Disney dopo essersi opposti alla legge anti-gay

La Disney è uno dei maggiori datori di lavoro della Florida. Grazie ai parchi a tema vicino alla città di Orlando, fornisce anche molte entrate dal turismo.

Dall’apertura dei parchi, la Disney ha avuto uno status speciale in Florida. È stato autorizzato a gestire i terreni su cui sono ubicati i parchi e si è comportato come un comune.

La stessa Disney era responsabile dei servizi antincendio e delle ambulanze. L’azienda organizza anche la propria raccolta dei rifiuti dentro e intorno alle stazioni ed è autorizzata a riscuotere le tasse. In cambio dell’autogoverno, la Disney ha ricevuto un credito d’imposta.

Stato speciale revocato

Il governatore Ron DeSantis sta ora ponendo fine a tutto ciò. Ha firmato una legge che revoca lo status speciale della Disney.

Il cambiamento segue la condanna della Disney di un disegno di legge approvato in Florida il mese scorso. Soprannominata “Don’t Say Gay”, la legge vieta alle scuole primarie di parlare di orientamento sessuale o identità di genere in classe.

La Disney inizialmente taceva sulla legge. Dopo che la società ha ricevuto molte critiche al riguardo, il CEO ha deciso di farlo parlare contro† Ha promesso di sostenere la comunità LGBTI e ha interrotto tutte le donazioni politiche in Florida.

“Sfida Disney”

Il ritiro dello status speciale è visto come una vendetta per questa posizione. In pratica, questo probabilmente significa che la Disney pagherà più tasse.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.