I porti dell’UE saranno chiusi al carbone russo da mercoledì | ADESSO

Il divieto di importazione di carbone russo nell’Unione europea entrerà in vigore mercoledì. Di recente agli Stati membri sono stati concessi 120 giorni per rescindere i loro contratti e trovare fornitori alternativi.

A causa delle misure punitive, le navi battenti bandiera russa non sono più le benvenute nei porti dell’UE, compresa Rotterdam. Il divieto di importazione di carbone russo fa parte di una serie di misure volte ad inasprire le sanzioni contro i russi per la guerra in Ucraina.

Le centrali a carbone del nostro Paese devono quindi cercare delle alternative. È stato consentito loro di girare più velocemente dalla fine di giugno, al fine di alleviare l’officina del gas. Questo gas viene risparmiato per l’inverno, nel caso in cui l’alimentazione si interrompa completamente. Il “nuovo” carbone necessario per far funzionare le centrali arriva dall’Australia e dalla Colombia, tra gli altri.

Il mercato dell’energia è da tempo molto teso e di recente si è aggiunta anche la siccità nel nostro Paese e nel resto d’Europa. Questo ha un effetto su tutte le alternative per la produzione di elettricità, soprattutto ora che dobbiamo fare a meno del gas russo. Le centrali elettriche a carbone tedesche, ad esempio, possono ottenere meno carbone perché il livello dell’acqua è troppo basso.

È in discussione anche la fornitura di elettricità dall’energia idroelettrica norvegese. Questo a sua volta avrà un effetto sui prezzi dell’energia.

Eccezione per energia e cibo

Fanno eccezione solo i medicinali e altri beni umanitari, l’energia e importanti prodotti agroalimentari.

Ad esempio, c’è un accordo sul grano tra Russia e Ucraina che è supervisionato da un vice ammiraglio della Marina turca ed è organizzato da un centro di coordinamento a Istanbul. L’accordo è stato mediato dalle Nazioni Unite e dalla Turchia, poiché le esportazioni di grano dell’Ucraina attraverso il Mar Nero si sono praticamente fermate dopo la guerra.

READ  Erdogan riceve Michel e von der Leyen: ma per lei non c'è sedia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.