I rifugi per l’asilo scricchiolano e scricchiolano anche nei paesi che ci circondano |  ADESSO

I rifugi per l’asilo scricchiolano e scricchiolano anche nei paesi che ci circondano | ADESSO

A causa di tutti i rapporti sulla crisi dell’asilo nei Paesi Bassi, molti visitatori della nostra piattaforma di risposta NUjij si sono chiesti: anche altri paesi hanno una crisi dell’asilo? E sì, è così: in molti paesi intorno a noi, i centri di accoglienza per l’asilo scricchiolano e scricchiolano. Una panoramica.

Innanzitutto è bene rendersi conto che l’afflusso di rifugiati in molti paesi europei non è assurdamente alto. Le cifre attuali non si avvicinano alla crisi del 2015.

Al culmine di questa crisi, ogni mese nell’Unione Europea sono state ricevute più di 160.000 domande. Oggi, quel numero oscilla tra 50.000 e 70.000, secondo i dati di Eurostat.

Tuttavia, molti paesi stanno lottando per gestire le richieste di asilo nel modo giusto. Questo porta a situazioni dolorose.


Belgio

In Belgio, come nei Paesi Bassi, i richiedenti asilo si registrano presso un centro di accoglienza centrale. Questo viene fatto a Bruxelles presso l’Ufficio degli Stranieri. Finché la loro domanda di asilo è in fase di elaborazione, i richiedenti asilo hanno diritto all’accoglienza.

Ma anche i belgi sono alle prese con un’accoglienza sovraffollata. Dall’autunno 2020 quasi tutti i 30.000 posti di accoglienza sono stati occupati. Ciò è in parte dovuto a un afflusso abbastanza grande. Ma il motivo principale, proprio come nei Paesi Bassi, è il basso throughput. Le procedure di asilo richiedono molto tempo, fino a due anni.

Tiene le persone impegnate a lungo mentre aspettano chiarezza. Anche il flusso di proprietà della casa è basso a causa della carenza di alloggi.

E questo porta all’ansia. Spesso scoppiano rivolte tra i richiedenti asilo che devono passare la notte per strada. Al mattino la polizia è presente numerosissima per garantire il regolare svolgimento dell’apertura del centro di accoglienza.

Anche i tribunali belgi sono inondati di azioni legali. Solo quest’anno sono state intentate millequattrocento querele contro Fedasil, l’ente preposto all’accoglienza. I richiedenti asilo chiedono accoglienza, perché Fedasil è obbligata a fornirla. Spesso i richiedenti asilo hanno ragione.

Germania

I nostri vicini orientali ospitano di gran lunga il maggior numero di rifugiati in Europa. In cifre assolute, ma anche pro capite. La Germania lavora con un sistema nazionale che assegna i rifugiati per stato, in base alla popolazione e alle entrate fiscali.

La Germania ha diciotto centri di applicazione (diciotto “Ter Apels”). Di conseguenza, la pressione per centro di applicazione è molto inferiore e i centri sono quindi molto meno riempiti.

Tuttavia, anche la Germania ha problemi con l’accoglienza dei richiedenti asilo. È vero che dall’inizio dell’afflusso di rifugiati ucraini, alcuni centri per richiedenti asilo tedeschi sono stati sovraffollati. Sebbene in poco tempo siano stati trovati molti altri posti di alloggio, sono ancora troppo pochi.

Lo si vede, ad esempio, a Berlino che, secondo la quota nazionale, deve accogliere più del 5% di tutti i richiedenti asilo “tedeschi”. La capitale sovraffollata sta ora operando con un piano di emergenza e ospita i richiedenti asilo in container, hotel e ostelli.

UK

Quando il Regno Unito ha ufficialmente lasciato l’UE il 31 dicembre 2020, non era stato raggiunto alcun accordo sulla migrazione. Il Regno Unito e l’UE hanno rilasciato solo una dichiarazione in cui approvava “l’importanza di una corretta gestione dei flussi migratori”. Nessun accordo concreto è stato raggiunto.

Nel frattempo, il Regno Unito ha ritirato quasi tutti gli accordi esistenti, compresa la Convenzione di Dublino. Questo accordo stabilisce che il paese in cui un rifugiato chiede asilo per la prima volta è responsabile dell’elaborazione della domanda di asilo.

READ  Mogli di prigionieri di guerra ucraini travolte dalle preoccupazioni: "La vita è in pausa"

Secondo le Nazioni Unite, quasi l’80% dei richiedenti asilo attende che la propria richiesta venga esaminata in un paese diverso dal Regno Unito. Questo può essere il paese di origine del richiedente asilo, ma anche un altro paese che accoglie temporaneamente richiedenti asilo. Il risultato: il Regno Unito non ha quasi bisogno di accogliere le persone.

Eppure il numero crescente di migranti è fonte di preoccupazione nel Regno Unito. Nel 2021 la maggior parte delle domande di asilo è stata ricevuta in quindici anni.

La crisi dell’asilo nei Paesi Bassi ha spiegato

Francia

La politica francese sui rifugiati è stata criticata per anni da gruppi per i diritti umani. Sebbene siano relativamente pochi i profughi che entrano nel paese, i luoghi di accoglienza sono troppo pochi.

Di conseguenza, in diverse località della Francia vengono create tendopoli, contenenti richiedenti asilo che non hanno un posto dove andare. Migliaia di migranti, ad esempio, vivono da anni in condizioni precarie nei campi lungo la costa settentrionale della Francia intorno a Calais e Dunkerque. Nei campi spesso non c’è acqua potabile e poca igiene. A Parigi molti richiedenti asilo si trovano per strada.

A volte queste tendopoli vengono demolite dalla polizia francese. Ma quando i richiedenti asilo presentano nuovamente domanda, spesso va storto di nuovo. Di conseguenza, finiscono di nuovo in una tendopoli.

Inoltre, molti migranti francesi non chiedono nemmeno asilo perché desiderano continuare il loro viaggio nel Regno Unito. Poiché i controlli alle frontiere sono severi, questo di solito non è possibile. Di conseguenza, rimangono intrappolati nelle tendopoli francesi.

Le tendopoli vicino a Calais (Francia) sono prive di servizi igienici e acqua potabile.


Le tendopoli vicino a Calais (Francia) sono prive di servizi igienici e acqua potabile.

Le tendopoli vicino a Calais (Francia) sono prive di servizi igienici e acqua potabile.

Foto: Getty Images

Danimarca

In Danimarca, la politica di asilo funziona in modo leggermente diverso rispetto a molti altri paesi europei. Tradizionalmente, il paese scandinavo era aperto all’afflusso di richiedenti asilo. Ma le cose sono cambiate quando il numero di domande relative alla crisi dei rifugiati è aumentato notevolmente nel 2015. Grazie a una maggioranza prevalentemente di destra, il parlamento ha approvato una serie di leggi che hanno reso la Danimarca sempre meno attraente per i richiedenti asilo stranieri.

READ  150mila pomodori sull'autostrada americana: "Come camminare sul ghiaccio"

Nel 2019, ad esempio, il governo ha deciso che la situazione in alcune parti della Siria, compresa la capitale Damasco, era sicura. Almeno duecento siriani dalla Danimarca sono stati successivamente espulsi dal Paese. È diventato anche più difficile per i richiedenti asilo portare le loro famiglie. Inoltre, anche gli effetti personali (come le fedi nuziali) sono stati sequestrati per pagare le spese di soggiorno dei richiedenti asilo.

Pertanto, la Danimarca limita il numero di richiedenti asilo da trattare. Alcuni anni fa, il governo ha deciso di organizzare la politica in modo tale che nessun richiedente asilo entri. Improvvisamente, i danesi ora non hanno problemi di capacità di accoglienza.

Human Rights Watch e altre organizzazioni per i diritti umani sono completamente scontente della politica danese in materia di asilo. HRW critica che Copenaghen non ammette siriani, mentre la porta è spalancata per gli ucraini. L’organizzazione denuncia “le spregevoli leggi volte a scoraggiare i richiedenti asilo”.

Ma l’approccio danese è criticato anche dall’UE e dalle Nazioni Unite. Con la loro politica poco attraente, i danesi rimanderebbero indirettamente i richiedenti asilo in altri paesi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *