I russi rapiscono il figlio adolescente del politico ucraino: “Ma non posso soddisfare le loro richieste” all’estero

Quando i russi invasero Melitopol, Vladyslav (16) volle stare con il nonno malato. Ma quando è morto ed è comunque fuggito, l’adolescente ucraino è stato arrestato dai russi.

Il ragazzo è in carcere da settimane perché suo padre è un politico. Oleh Buryak è stato nominato capo dell’amministrazione del distretto di Zaporizhzhya dal presidente Zelensky. Il padre è ormai a corto di intelligenza. “Se avessero voluto il denaro, l’avrei già raccolto”.

È stato l’ambasciatore americano presso l’Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa (OSCE) a richiamare l’attenzione giovedì sul destino di Vladyslav Buryak. In un discorso al Consiglio OSCE di Vienna, ha chiesto l’immediato rilascio del ragazzo. “Dobbiamo ricordare alla Russia i suoi obblighi ai sensi del diritto umanitario internazionale”, ha affermato l’ambasciatore Michael Carpenter.

Oleh Buryak (a sinistra) con il figlio ora ostaggio Vladyslav e la sorella minore.

Vladyslav Buryak viveva a Melitopol, una città nel sud dell’Ucraina conquistata dalla Russia già a marzo. Insieme alla madre e alla sorella minore, si è preso cura del nonno, che soffriva di un cancro terminale. “Hanno deciso di restare con lui finché vive”, ha detto padre Oleh. È separato dalla moglie e vive a Zaporizhzhya, dove è stato nominato dal presidente Zelensky a un alto incarico amministrativo

Fermati all’ultimo posto di blocco

Quando il nonno è morto l’8 aprile, la sorella di Vladyslav era già stata evacuata. “Ho subito iniziato a organizzare la partenza di mio figlio”, ha detto padre Oleh al sito di notizie “Svoboda”. “Gli amici hanno deciso di portarlo a Zaporizhzhya in macchina. Ma all’ultimo posto di blocco russo, sono stati fermati, hanno scoperto la sua identità e Vlad è stato imprigionato.

Il padre e la madre hanno potuto chiamare più volte il figlio. “È rinchiuso come un criminale. Era stato rinchiuso per due settimane quando gli è stato permesso di fare il bagno per la prima volta e riceve solo cibo secco. Gli hanno dato dei libri per tenerlo occupato, ma non è permesso uscire per fare esercizio”, si lamentò padre Oleh.

L'adolescente Vladyslav Buryak tenuto in ostaggio dai russi.

L’adolescente Vladyslav Buryak tenuto in ostaggio dai russi.

Le trattative sono bloccate

Il padre è sicuro che suo figlio sia tenuto in ostaggio perché lui stesso è un politico. “Hanno fatto richieste”, ha detto. Rimane vago su cosa sia esattamente necessario per liberare suo figlio. “Ma non potevo entrarci. Se avessero voluto i soldi, l’avrei già ottenuto. Ma le trattative sono a un punto morto e non riesco a trovare nessuno che le accetterebbe in cambio di mio figlio”.

Lo stesso padre è nato a Tomsk, una città situata nel cuore della Russia. Ha vissuto lì fino all’età di dodici anni e ha ancora molta famiglia lì. Non direbbe se quei parenti lo sostengono adesso. Ma osserva che molti russi si rendono conto a malapena di ciò che sta accadendo in Ucraina. “Il trenta per cento di tutti gli ucraini ha parenti in Russia. Ma ciò che le autorità russe stanno facendo ora non potrà mai essere perdonato. »



Guarda i nostri video di notizie più visti nella playlist qui sotto:

READ  Irlanda piange Ashling Murphy, insegnante 23enne strangolata mentre faceva jogging - Corriere.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.