I russi stanno diventando più “brutali” perché sanno che le truppe ucraine sono “a corto di munizioni” |  Guerra in Ucraina

I russi stanno diventando più “brutali” perché sanno che le truppe ucraine sono “a corto di munizioni” | Guerra in Ucraina

Un soldato ucraino al fronte vicino a Kharkiv dice che le truppe russe stanno diventando “più audaci” perché saprebbero che l’esercito ucraino ha pochi cannoni antiaerei. Le forze armate ucraine stanno affrontando una grave carenza e potrebbero perdere il controllo del loro spazio aereo a favore della Russia già a maggio, secondo documenti trapelati del Pentagono.

Quando un piccolo gattino nero è nato in prima linea a Kharkiv, i soldati ucraini hanno adottato la graziosa piccola creatura e l’hanno chiamata “Stinger”, dopo i missili antiaerei portatili Stinger. “È l’unica difesa aerea che abbiamo qui”, ha detto uno degli uomini, soprannominato “Hollywood”, al quotidiano britannico “The Times”.

Ma ora i moderni aerei russi sono dotati di una nuova tecnologia che interferisce con il sistema di mira dello Stinger. “Ora dobbiamo girarne due e sperare che il secondo vada a segno”, ha detto Hollywood.

GUARDARE. L’esercito ucraino abbatte un caccia russo nella regione di Donetsk

“Abbiamo anche usato missili anticarro contro i russi e questo ha impedito loro di inviare elicotteri nell’entroterra perché avevano paura di essere colpiti”, spiega.

“Ma ora che i russi sanno che le nostre munizioni si stanno esaurendo, stanno diventando più audaci. Ogni giorno arrivano sempre più elicotteri e aerei e cominciano a rendersi conto che non possiamo fermarli.

Un soldato ucraino spara con un obice contro le truppe russe vicino a Bachmut.
Un soldato ucraino spara con un obice contro le truppe russe vicino a Bachmut. © REUTERS

I documenti del Pentagono recentemente trapelati hanno già rivelato le debolezze dell’esercito ucraino e hanno fornito un campanello d’allarme.

Hanno suggerito, tra l’altro, che l’Ucraina è così a corto di mezzi antiaerei che potrebbe perdere il controllo dei suoi cieli già a maggio, proprio mentre l’esercito ucraino si prepara a un’offensiva di terra per riconquistare il territorio perduto. Funzionari militari ucraini stanno discutendo su come fornire copertura aerea alle truppe durante l’imminente offensiva. Chiedono inoltre con urgenza maggiore sostegno agli alleati occidentali.

READ  L'incredibile nel cielo di Los Angeles: due aerei "colpiscono" un ragazzo con il jetpack - La Stampa

La Lettonia consegna armi all’Ucraina, la Spagna promette carri armati

La Lettonia ha annunciato che fornirà armi all’Ucraina. È arrivato dopo i colloqui nella base aerea statunitense di Ramstein, in Germania, dove un gruppo di quaranta alleati coordina il supporto militare all’Ucraina. Anche la Spagna promette dieci carri armati.

Secondo il ministero della Difesa lettone, tutti i missili antiaerei Stinger del Paese baltico, membro dell’Ue e della Nato, saranno consegnati a Kiev. Inoltre, secondo una dichiarazione, più soldati ucraini saranno addestrati in Lettonia.

“La Lettonia ha risposto alla richiesta dell’Ucraina di fornire sistemi di difesa aerea e ha deciso di fornire all’Ucraina tutti i nostri rimanenti sistemi Stinger. Faremo del nostro meglio per consegnarli il prima possibile”, ha detto il ministro della Difesa. Tuttavia, non ha fornito dettagli sul numero di aerei o su un programma di consegna.

La Spagna ha anche annunciato venerdì la consegna di sei dei dieci carri armati Leopard 2, che dovrebbero essere consegnati “entro pochi giorni”, secondo il ministro spagnolo José Manuel Albares. Seguirà successivamente una seconda consegna di quattro carri armati. Questi sono dieci dei 109 carri armati Leopard 2A4 che la Spagna ha e che sono di un modello più vecchio. Madrid ha anche 239 2A6 più nuovi e più potenti, ma non si parla di trasferirli in Ucraina.

L’Ucraina ha cercato di respingere l’invasione russa per 14 mesi e fa molto affidamento sul sostegno degli alleati occidentali per il suo equipaggiamento militare. Venerdì, una cinquantina di paesi, tra cui il Belgio, si sono incontrati a Ramstein per discutere di questo aiuto. La Lettonia, che confina con Russia e Bielorussia, è uno dei più forti alleati dell’Ucraina.

READ  Zelensky incolpa l'offesa tardiva di West

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *