L’Italia vuole sfrattare gli orsi dopo l’attacco mortale al jogger |  All’estero

L’Italia vuole sfrattare gli orsi dopo l’attacco mortale al jogger | All’estero

L’Italia vuole espellere gli orsi che vivono nella regione settentrionale del Trentino-Alto Adige. All’inizio di aprile, un corridore di 26 anni è stato ucciso dopo essere stato attaccato da un orso in una famosa zona escursionistica vicino al villaggio di Caldes. Da allora, il dibattito sull’orso è stato acceso.

L’orso che ha ucciso il jogger è attualmente detenuto in un santuario della fauna selvatica. È stato inoltre istituito un comitato per prendere in considerazione misure per controllare l’espansione della popolazione di orsi nella regione.

Ma non basta, afferma il ministro dell’Ambiente italiano Gilberto Pichetto Fratin. Parlerà con altri paesi della deportazione degli orsi.

Si stima che nel nord Italia vivano un centinaio di orsi. Nel 1999, gli orsi della Slovenia sono stati rilasciati nell’ambito di un programma dell’UE per reintrodurre gli animali nelle Alpi italiane.

L’orso che ha ucciso il jogger aveva precedentemente ferito un padre e un figlio nella stessa zona. Il presidente della provincia di Trento inizialmente voleva far macellare l’animale di 150 chilogrammi, ma dopo una denuncia di animalisti, un giudice lo ha bloccato.

Il destino dell’orso sarà deciso in un’udienza l’11 maggio.

READ  Nuova top 10 per Cian Uijtdebroeks in Italia: "Abbiamo corso tutto il giorno"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *