I separatisti filorussi evacuano i civili ucraini in Russia

La Russia è impegnata a organizzare alloggi, cibo e paghetta per i rifugiati dall’Ucraina. Le donne, i bambini e gli anziani hanno la priorità.

Esplosione di Donetsk

Un portavoce del governo degli Stati Uniti ha definito le evacuazioni “un passo cinico” nella battaglia propagandistica tra Russia e Occidente. La Russia ha costruito nelle ultime settimane una grande forza militare al confine con l’Ucraina. Si teme che la Russia possa invadere l’Ucraina orientale.

A Donetsk, capitale dell’autoproclamata Repubblica popolare di Donetsk, un veicolo è esploso nei pressi dell’edificio che ospita il governo separatista all’inizio della giornata. L’America sospetta che i separatisti abbiano organizzato questo attacco per giustificare un’invasione russa dell’Ucraina.

Il corrispondente di RTL Jeroen Akkermans definisce le evacuazioni un “ulteriore escalation” delle tensioni tra Russia e Ucraina. “Putin potrebbe presto dire: i nostri cittadini non sono più al sicuro lì, dobbiamo intervenire”.

Tieni il fuoco alto

“La situazione non vuole calmarsi”, continua Akkermans. “I separatisti sperano che la Russia entri nell’Ucraina orientale. È nel loro interesse mantenere il fuoco acceso”.

Ha detto che è improbabile che i separatisti agiscano da soli. “Non riesco a immaginarlo. Sembra indicare che la Russia voglia occupare l’Ucraina orientale. Ma potrebbe essere un passo. Resta da vedere quale sia il piano”.

L’esercito ucraino è in guerra da anni con le sedicenti repubbliche proclamate dai ribelli. I bombardamenti si sono intensificati negli ultimi giorni quando le truppe russe si sono ammassate lungo il confine ucraino.

Il parlamento russo questa settimana ha chiesto al presidente Vladimir Putin di riconoscere le due regioni della regione del Donbass nell’Ucraina orientale come repubbliche indipendenti. La Russia ha rilasciato passaporti russi a molti cittadini di questa regione.

READ  Niente coprifuoco e restrizioni per i vaccinati: la svolta della Germania

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *