“I supermercati spagnoli devono congelare i prezzi”

“I supermercati spagnoli devono congelare i prezzi”

NOS/Rop Zoutberg

Notizie ONS

  • Corda Saltberg

    Corrispondente dalla Spagna

  • Corda Saltberg

    Corrispondente dalla Spagna

Anche la spesa quotidiana sta diventando più costosa in Spagna e inaccessibile per alcune persone. Il governo di sinistra sta ora proponendo ai supermercati di accettare di smettere di aumentare i prezzi.

Mitigare gli effetti dell’inflazione

Yolanda Díaz, Ministro dell’Occupazione e dell’Economia Sociale, vuole che le grandi imprese di distribuzione rispettino i prezzi massimi. In questo modo il ministro vuole mitigare le conseguenze del rapido aumento dell’inflazione. Lo scorso agosto era del 10,4% in Spagna. La metà degli spagnoli afferma di non poter più sbarcare il lunario perché energia, carburante e cibo sono diventati molto più costosi.

Diaz ha consultato ancora oggi i centri di distribuzione e le organizzazioni dei consumatori nel tentativo di congelare i prezzi. “Voglio un accordo per mantenere alcuni generi alimentari a prezzi accessibili, in particolare il cibo. Stiamo facendo tutto il possibile affinché le persone possano vivere normalmente. È molto difficile ora”, ha detto Díaz in risposta alle domande del NOS in una conferenza stampa.

I datori di lavoro rifiutano i piani

Nel frattempo, sono arrivate critiche da tutte le parti all’idea del ministro, che si unisce al governo di coalizione del primo ministro Pedro Sánchez per il partito di sinistra Podemos.

I datori di lavoro rifiutano risolutamente i piani e parlano di regole comuniste che fanno del Paese un’economia pianificata. “Assomiglia di più a Cuba”, ha detto il presidente di una delle più grandi organizzazioni dei datori di lavoro.

I giardinieri e le organizzazioni di agricoltori temono il peggio. La fissazione dei prezzi massimi eserciterebbe un’ulteriore pressione sulla loro già scarsa remunerazione da parte delle catene di supermercati. “Se i piani si concretizzeranno, i consumatori saranno spinti verso il supermercato. Questo andrà a scapito dei piccoli negozi locali, che non potranno mai competere con i grandi supermercati”, spiega l’associazione dei rivenditori CEC.

READ  Saluti ai file 007, documenti nascosti in Biden. Il papa schiaffeggia Trump

I progetti spagnoli non sono unici. Nel 2011, la Francia ha raggiunto brevemente un accordo sui prezzi con la grande distribuzione che offriva pacchi alimentari per 20 euro. L’Argentina ha anche accordi sul prezzo massimo dei prodotti alimentari e sanitari dal 2014, riporta il quotidiano El Pais. Il blocco dei prezzi è concepito come misura contro l’impennata dell’inflazione. Gli accordi sui prezzi continuano ad applicarsi, anche se non sono riusciti a frenare l’enorme inflazione. Continua in Venezuela. La distribuzione diretta di pacchi alimentari di base è comune.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *