I talebani sono entrati a Kandahar, la seconda città più grande dell’Afghanistan, e affermano di aver preso il controllo di gran parte del paese

Venerdì le forze dei talebani, un gruppo estremista islamista afghano, entrò a Kandahar, la seconda città più grande dell’Afghanistan dopo la capitale Kabul, e una delle più note per essere stato uno dei principali centri operativi per l’invasione dell’Afghanistan da parte degli Stati Uniti e dei suoi alleati nel 2001. I talebani hanno iniziato una “grande operazione per riconquistare l’Afghanistan dopo che l’amministrazione statunitense del presidente Joe Biden ha annunciato ad aprile il completo ritiro delle truppe entro l’11 settembre di quest’anno”. Il ritiro è già a buon punto, molte delle basi più importanti sono già stati evacuati e probabilmente tutti i soldati americani avranno lasciato il paese entro agosto.

– Leggi anche: I talebani conquistano l’Afghanistan

Senza il sostegno dei soldati americani e di altri paesi occidentali, il debole e mal organizzato esercito afghano negli ultimi mesi è stato spesso sopraffatto dalle forze talebane. In varie situazioni i talebani sono riusciti a conquistare interi quartieri senza sparare un solo colpo, ma sfruttando la fuga di soldati afgani demoralizzati.

– Leggi anche: Le ragioni di Joe Biden per lasciare l’Afghanistan

I talebani mirano a rivendicare l’intero Paese, che hanno governato fino all’invasione statunitense del 2001. Venerdì alcuni portavoce del gruppo estremista hanno annunciato che ora controllererebbero l’85% del territorio afghano, anche se per il momento non è possibile confermare questa informazione, anche a causa della situazione confusa che ancora regna in molti distretti.

READ  Russia: Navalny resta in Carcere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *