Il Bianco e il Nero, i Veneziani: “Conte wordio of rien”. Finito: “Siamo la dittatura della salute”

Le ultime misure varate dal governo Conte hanno provocato tensioni sociali in diverse città e fatto precipitare intere categorie produttive nel panico e nella disperazione. Le contraddizioni dell’ultimo Dpcm sono numerose e la luce in fondo al tunnel sembra lontana. Ecco cosa pensano gli scrittori Massimo Fini e Marcello Veneziani della rubrica Il Bianco e il Nero.

Cosa ne pensate dell’ultimo DPCM? Stiamo entrando in una “dittatura della salute”?

Obiettivi: “Assolutamente sì, nel senso che nessun dittatore, nemmeno Mussolini, nemmeno Hitler, nemmeno Caucescu aveva rapito persone dalla sua casa come sta accadendo oggi. È una dittatura particolarmente fastidiosa perché si chiama democrazia, se vuole essere meglio un dittatore e porre fine a questa ipocrisia “.

Veneziani: “Siamo entrati in una dittatura sanitaria globale dallo scorso marzo e non l’abbiamo lasciata. Una dittatura mitigata dall’incongruenza e dall’inefficienza. Il regime stabilito è la paura, un potere basato sul terrore del malattia. Inoltre, il modello di riferimento cinese è irrequieto. “.

Quali sono le proteste di Roma e Napoli contro il blocco? Li condividi?

Obiettivi: “Sono d’accordo e siccome penso sia una dittatura, possiamo rispondere al dittatore in modo violento, è vero che in mezzo ci saranno esponenti della mafia, esponenti della camorra, ecc. , ma credo che ci siano anche cittadini abbastanza normali “.

Veneziani: “Hanno valore come sintomi di un malessere più ampio e comprensibile. A parte le violente infiltrazioni, sono il segno di un malessere popolare. Tuttavia nessuna ribellione di strada, nessun masaniello produce cambiamenti che migliorano il quadro generale. “

De Luca diceva che in questa piazza c’erano pezzi di camorra, pezzi di centri sociali, pezzi di fascisti e pezzi di m … Non ti sembra un po ‘riduttivo?

READ  Coronavirus, l'esperienza della Slovacchia: campioni rapidi per l'intera popolazione

Obiettivi: “È un eufemismo perché ovviamente questi elementi ci sono ma ci sono anche persone esasperate, normali che non fanno parte della camorra o della mafia e per quanto riguarda i centri sociali mi sembra che lo siano legittimo in quanto tale “.

Veneziani: “De luca si è bevuto il cervello, ha fatto il guappo e’cartone quando il covid ha colpito al nord, reclamizzando l’Hi Campana. Poi la prova dei fatti ha dimostrato che tutto era apparenza e guapparia”.

Quali sono le carenze, carenze o responsabilità del governo e delle regioni?

Finito: “L’errore sta all’inizio ed è di aver voluto contenere il virus a tutti i costi, è ovvio, l’avevo previsto dall’inizio, che appena rilasci un attimo la pressione, la molla ti sbatte e ti porta dove eri prima, quindi c’è quel continuo stop and go, se vogliamo solo pensare ai ristoratori, ma questo vale per tutti gli imprenditori, rimetti le cose a posto perché te lo dicono riapriranno e poi riapriranno effettivamente, ma subito dopo chiuderanno di nuovo, quindi tutti i soldi che hai speso per l’aggiornamento te li puoi attaccare “.

Veneziani: “La colpa principale è quella di aver fatto scattare l’allarme, ponendo ogni responsabilità sui comportamenti dei cittadini, senza aver attrezzato nulla a livello sanitario e strutturale in questi mesi. E continuano a dare la colpa di tutto il contagio alle scelte private (vita notturna, bar, ristoranti) per non vedere le carenze pubbliche più gravi (trasporti, scuola, infrastrutture, medicina del territorio). Danno una lettura etica piuttosto che una risposta pratica efficace ”.

Conte ha detto che se fosse dall’altra parte si sarebbe arrabbiato anche lui, cos’è una presa in giro o una velata ammissione di colpa?

READ  800 chilometri di coda per uscire

Obiettivi: “No, questo non è uno scherzo. Conte, avendo seguito questa linea di contenimento Covid, continua quindi solo che la risposta in generale è del tutto sproporzionata al pericolo in quanto le morti Covid rappresentano lo 0,15% del Popolazione italiana., Supponiamo anche che se non avessi fatto il contenimento sarebbero stati il ​​doppio. Faccio il parallelo con i decessi per cancro all’anno che sono 193.000.Ebbene, se non avessi contenuto Covid, le morti sarebbero state cinque volte e sarebbero 100.000? Al di sotto di quelle per cancro Se pubblicassimo chi è morto di cancro ogni giorno, avremmo lo stesso effetto devastante sulla psicologia delle persone. nel 57-60 abbiamo avuto un’asiatica aggressiva come Covid eppure non abbiamo fatto il coprifuoco, ma nessuna delle misure in corso ora. C’è a mio parere una follia generale che non riguarda non il governo Conte, ma il ripensamento città di cittadini per i quali la morte, anche ipotetica come questa, non è accettata. Eravamo abituati all’idea che prima o poi saremmo morti ”.

Veneziani: “Fa parte del suo piacionismo avvocato, la generosa demagogia di un creatore di parole dal nulla”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *