“Il calcio è cambiato” – Libero Quotidiano

Il Superlega anche agli allenatori direttamente coinvolti non piace. Ieri è arrivata la posizione difficile di Jurgen klopp, oggi è stata la volta di Pep guardiola, che senza troppe parole ha detto che la nuova competizione calcistica ideata dai dodici dissidenti “non è sportL’allenatore spagnolo ha criticato duramente il sistema chiuso che era preso in considerazione anche dal suo club, il Manchester City: “Quando non c’è connessione tra impegno e risultato, non è più sport”.

Guardiola ha poi preso una linea più diplomatica, visto che è ancora un impiegato del Manchester City: “Ma si tratta solo di un comunicato stampa. Ci sono altre persone che hanno bisogno di chiarire questo hanno l’obbligo e il dovere di partire il prima possibile e spiegare al mondo intero qual è la situazione e il motivo della loro decisione ”. Guardiola ne aveva anche per la UEFA, che ora è una vittima ma non è esente da colpe se alcuni club hanno deciso di tentare la pausa: La UEFA ha fallito. Devono darci qualche chiarimento. Dobbiamo andare avanti il ​​più possibile, ma allo stesso tempo non essere cinici. Tutti pensano a se stessi, anche la UEFA ”.

Tra le altre cose, ci sono voci dall’Inghilterra che Chelsea e Manchester City esiterebbero già, visto che dopo l’annuncio della Super League sono stati travolti – come quasi tutti gli altri club – dai propri tifosi e dall’opinione pubblica e politica. Se Klopp e Guardiola si sono esposti apertamente, in Italia Stefano Pioli per ora ha deciso di non affrontare l’argomento. Durante Andrea Pirlo si è confermato esperto di business, definendo la Superlega “uno sviluppo per il mondo del calcio. Ci sono stati dei cambiamenti negli ultimi anni: tutto è cambiato, è nuovo ma non sono il migliore a spiegarlo, il presidente saprà meglio cosa stanno facendo ”.

READ  Calciomercato Juventus, scambio con la Roma

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *