Il capo della Nato Stoltenberg: “Non mi fido affatto dei russi”

Il capo della Nato Stoltenberg: “Non mi fido affatto dei russi”

La NATO è in una posizione difficile a causa della guerra in Ucraina. I combattimenti scoppiano al confine orientale, ma l’intervento si spinge troppo oltre per la maggior parte dei membri dell’alleanza militare. Nel frattempo, la Russia chiede che l’Ucraina non si unisca e non si smilitarizzi, mentre l’Ucraina vorrebbe ricevere maggiore protezione dai paesi della NATO.

Nel frattempo, le truppe sono state dispiegate in otto paesi a est dell’area della NATO. Perché il segretario generale della NATO Jens Stoltenberg non si fida minimamente dei russi. Tutto ciò che viene promesso al tavolo delle trattative. “Non crediamo ai russi, non abbiamo motivo di crederci. Hanno mentito più e più volte durante questa crisi”, ha detto. tempo di notizie

Stoltenberg avverte che dovremmo giudicare i russi dalle loro azioni, non dalle loro parole. “Naturalmente, accogliamo con favore tutti gli sforzi per trovare una soluzione politica, ma quello che stiamo vedendo ora è che la Russia continua a cercare una via d’uscita militare da questa guerra e non si tira indietro. In effetti, riposizionando le proprie truppe per organizzare l’offensiva in il Flusso della regione del Donbass.”

Il gas come arma

Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky si è rivolto oggi alla Camera dei rappresentanti tramite collegamento video. Egli chiamata di fermare tutti gli scambi con la Russia e ha invitato i Paesi Bassi a essere pronti a boicottare il gas russo.

“Quello che stiamo vedendo durante questa crisi è un livello senza precedenti di unità e volontà di imporre sanzioni alla Russia”, ha affermato Stoltenberg. “Ci sarà sempre una discussione su cos’altro possiamo fare, ma abbiamo imparato una lezione: la nostra vulnerabilità nel fare affidamento su gas ed energia dalla Russia. La Russia ora ne beneficia. Tutti gli alleati devono ridurre la loro dipendenza dal gas russo. “ridurre e investire di più nella diversità e in altre risorse in modo che la Russia non possa usare il gas come arma”.

READ  Kim Jong-un vuole fare della Corea del Nord la prima potenza nucleare al mondo | All'estero

Secondo i servizi di intelligence statunitensi, il presidente russo Valdimir Putin non è completamente informato sulla situazione in Ucraina dal suo stesso personale di difesa. Stoltenberg: “Il problema con un sistema autocratico è che le persone hanno paura di criticare il leader. Tendono a dire al leader esattamente quello che vuole sentire”.

E secondo la NATO, l’invasione dell’Ucraina non sta andando bene per i russi. L’avanzata è più lenta del previsto, i russi subiscono molte perdite perché hanno totalmente sottovalutato la forza delle forze armate ucraine. “E questo ovviamente rende anche più difficile trovare una soluzione politica. La Russia non è pienamente consapevole delle vittime e delle conseguenze di questa guerra. Per l’Ucraina, così come per i comuni russi e i soldati russi”.

passaggio di potere

Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha chiamato Putin un “macellaio” durante una visita in Polonia sabato e detto in un discorso in streaming che “quest’uomo non può rimanere al potere”. Stoltenberg è pronto a rispondere: “L’obiettivo della Nato non è un cambio di potere a Mosca. Il nostro obiettivo è porre fine alla guerra, sostenere gli ucraini e garantire che questo conflitto non degeneri al di fuori dell’Ucraina in una guerra tra NATO e Russia.

“Putin è responsabile di questa guerra orribile e brutale ed è responsabile di non porre fine alla guerra. Può porre fine alla guerra domani ritirando le truppe russe”.

Biden ha anche affermato che gli Stati Uniti avrebbero reagito se Putin avesse usato armi chimiche. Stoltenberg fa una distinzione tra l’uso di armi contro gli alleati della NATO o sul territorio della NATO. “Quindi sarebbe un attacco alla NATO. E questo cambierebbe completamente la natura del conflitto. Sarebbe una flagrante violazione del diritto internazionale”.

READ  Procuratore francese: i sospetti hanno sparato a stranieri odiosi | All'estero

La nostra principale responsabilità è proteggere i paesi della NATO e chiarire che qualsiasi attacco a un paese provocherà una risposta da parte dell’intera Alleanza”, ha affermato il capo della NATO. “L’uso di armi chimiche trasformerà il conflitto in una guerra ancora più brutale . .”

Garanzie di sicurezza

Stoltenberg preferisce tenere per sé una risposta specifica della NATO. “Non vogliamo dare un vantaggio alla Russia annunciando le nostre risposte. Abbiamo chiarito che il feedback seguirà. Abbiamo chiarito che l’invasione è una flagrante violazione del diritto internazionale e sottolineato l’importanza di porre fine a questa guerra. il prima possibile.”

Zelensky sarebbe ora pronto ad accettare lo status di paese neutrale. In cambio chiede garanzie di sicurezza. Quali garanzie può dargli la NATO? “La NATO rispetta la decisione dell’Ucraina se aspirare o meno all’adesione. Le garanzie di sicurezza fornite dagli alleati della NATO fanno parte dei negoziati, non posso speculare su questo. Paesi stessi”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *