Il Cile vota per una nuova costituzione progressista, ma per molti cileni i cambiamenti si stanno muovendo troppo velocemente

Il Cile vota per una nuova costituzione progressista, ma per molti cileni i cambiamenti si stanno muovendo troppo velocemente

Giovedì gli oppositori della nuova costituzione manifesteranno nella capitale cilena Santiago.  Statua Marcelo Hernandez/Getty

Giovedì gli oppositori della nuova costituzione manifesteranno nella capitale cilena Santiago.Statua Marcelo Hernandez/Getty

Cosa rende così speciale questo referendum costituzionale cileno?

Le costituzioni vengono spesso riscritte in America Latina, ma di solito partecipa un presidente autoritario. In Cile, domenica il popolo ha l’ultima parola su un testo scritto da un comitato di funzionari eletti.

I 388 nuovi articoli costituzionali intendono sostituire la vecchia costituzione del 1980, testo più volte modificato da allora, ma che resta essenzialmente della dittatura del generale Augusto Pinochet. Il soldato che l’11 settembre 1973 mise fine con la forza al governo di sinistra del presidente Salvador Allende, trasformò il Cile in un paese neoliberista ad economia aperta, tanto prospero quanto ineguale.

La domanda posta domenica ai 19 milioni di cileni: vuoi una fondazione completamente nuova sotto la tua società? Il primo articolo del nuovo testo descrive il Cile come “uno stato di diritto sociale e democratico, plurinazionale, interculturale, regionale ed ecologico”.

Sembra sveglio.

E questo è tutto. Nel nuovo Cile immaginato, il neoliberismo lascia il posto a uno stato molto impegnato che garantisce una lunga lista di diritti: istruzione, assistenza sanitaria, sicurezza sociale, esercizio fisico, alloggio, cibo, acqua, energia. La nuova costituzione non solo rimuove il pensiero liberale che Pinochet ha imposto al Paese, ma è anche un cambiamento radicale verso un futuro progressista e postmoderno.

Nella vecchia costituzione, la famiglia è il “nucleo della società” e il governo è al servizio della “massima realizzazione spirituale e materiale” dell’individuo. Il nuovo Cile diventa “inclusivo”, riconosce “famiglie nelle varie forme” e lavora per i diritti (tra gli altri) delle donne, delle minoranze indigene, delle minoranze sessuali, delle persone con disabilità, dei detenuti e degli anziani. La natura ha anche dei diritti nel nuovo testo.

Come è arrivato il Cile?

Tutto è iniziato con un importo di 30 pesos cileni (circa 4 centesimi di euro). Nell’ottobre 2019, l’allora governo del presidente di destra Sebastián Piñera ha annunciato che i biglietti della metropolitana sarebbero stati 30 pesos in più. Apparentemente pochi soldi, ma per molti cileni è stata l’ennesima mossa di destra che ha colpito la maggioranza e intimidito i ricchi.

La misura si è rivelata una scintilla in un mucchio asciutto di malcontento. Le manifestazioni contro l’aumento dei prezzi si sono rapidamente trasformate in grandi proteste popolari contro il modello cileno, contro la disparità di accesso all’istruzione, alla sanità e alle pensioni, contro un sistema in cui anche l’acqua è stata privatizzata. “Il Cile si è svegliato!”, gli fece eco dalla strada. Dopo sei mesi di aspre proteste, il presidente Piñera ha ceduto a un desiderio importante del movimento di protesta: una nuova costituzione.

Ha organizzato un referendum chiedendo se il vecchio testo dovesse essere sostituito. Durante queste elezioni, alla fine del 2020, i giovani cileni hanno fatto sentire ancora una volta la loro voce. Metà dell’elettorato si è candidata, ma l’80% di quella metà ha votato sì. Hanno lasciato il segno anche nella Commissione Costituzionale, una società di 154 membri, di cui 17 indigeni e composta da altrettanti uomini e donne.

I giovani vinceranno anche la battaglia finale di domenica?

Dalle proteste del 2019, i cileni progressisti hanno registrato un’impressionante serie di vittorie. Non solo hanno forzato la stesura di una nuova costituzione, ma a dicembre hanno anche eletto il presidente cileno più giovane e di sinistra dopo Allende. Gabriel Boric, 36 anni, ha iniziato la sua carriera politica come leader dei movimenti studenteschi di sinistra.

Ma quella serie di vittorie potrebbe finire domenica. I sondaggi prevedono che la maggioranza dei cileni dirà: i cambiamenti stanno andando troppo velocemente per noi. Negli ultimi mesi, la controcampagna ha messo a segno con successo il pericolo che la nuova costituzione rappresenterebbe per l’economia cilena, come il testo sui diritti delle minoranze divori i valori tradizionali e come il Paese rischi di cadere preda della divisione. In particolare, la proposta “multinazionalità”, con autogoverno delle popolazioni indigene, ha incontrato una feroce resistenza. Il Cile è diviso, dicono gli oppositori.

Cosa succede se la nuova costituzione viene bocciata?

I sondaggi potrebbero essere sbagliati. La percentuale di scettici è alta e il fatto che le urne questa volta siano (eccezionalmente) obbligatorie rende difficile prevedere l’esito. In attesa di una sconfitta, il presidente Boric ha già annunciato che dopo un “no” proseguirà la ricerca di una nuova costituzione. Questo ha dato impulso alla controcampagna, che ha potuto sottolineare che un voto contrario è altrettanto un voto per il cambiamento.

READ  Spazio, precipitato nel Pacifico il razzo russo Angara-A5 - Corriere.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *