Il delfino bianco viene portato fuori dall’acqua della Senna e trasferito nel bacino | All’estero

Il delfino bianco, o beluga, è stato avvistato per la prima volta martedì scorso nella Senna a circa 70 chilometri da Parigi. Un luogo straordinario per i beluga, che si trovano principalmente nei mari artici e subartici. L’animale, nel frattempo, è malnutrito e bloccato tra due ciocche, riducendo le possibilità di sopravvivenza del delfino bianco.

L’anestesia non è un’opzione

Il dipartimento francese di Sea Shepherd chiarisce in un messaggio perché portare a casa l’animale non è così facile. Anestetizzare il beluga in questo modo e portarlo al mare non è possibile, scrivono. I delfini respirano in modo molto consapevole. Se l’animale è sedato, smetterà di respirare e morirà.

Inoltre, solo aprire le porte e “lasciarlo andare in mare” apparentemente non è così semplice come sembra. “Sono più di 150 chilometri dall’estuario e dovresti passare di nuovo attraverso una chiusa”. L’animale è anche indebolito e tende a nuotare più lontano verso Parigi invece che in mare aperto.Si è pensato di “portare alla deriva” il delfino in mare con le barche, ma la distanza è troppo grande e Sea Shepherd ha quindi paura di perdere l’animale.

Analisi del rischio

Anche l’eutanasia non è ancora un problema, a quanto pare. I francesi hanno contattato colleghi in Canada che hanno più esperienza con i beluga e concordano anche sul fatto che l’eutanasia sarebbe troppo presto.

Dopo molte discussioni, Sea Shepherd ha deciso di rimuovere l’animale dalle acque della Senna e di metterlo in una bacinella di acqua salata. Il delfino sarà sorvegliato lì e riceverà le cure necessarie. Più tardi, verrà rilasciato di nuovo in mare “Le scelte sono state fatte”, sembra. I rischi sono stati analizzati e gli interessi dell’animale sono sempre stati presi in considerazione.

READ  il video che mette in imbarazzo il mondo - Libero Quotidiano

I francesi sperano anche di imparare dalla storia dei beluga. A maggio anche un’orca ha avuto problemi nella Senna. Quindi tutte le azioni per salvare l’animale fallirono e alla fine morì di fame. Questo non dovrebbe succedere di nuovo, a quanto pare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.