Il favorito della folla Ashleigh Barty incontra Danielle Collins nella finale degli Australian Open | Tennis

Barty, 25 anni, che l’ha terminato dopo 62 minuti al suo primo match point, è ancora senza una sconfitta per set a Melbourne. Ha perso solo 21 partite sulla strada per la battaglia finale ed è rimasta in campo per sole 6 ore e 6 minuti in sei partite.

Barty ha subito rotto Keys (26) in apertura e ha costretto l’americana a fare molti errori inutili con il suo gioco vario. Laddove Keys ha impressionato nei round precedenti con il suo gioco offensivo, il numero 51 del mondo ora sta producendo molti dropout.

Sul 2-2 nel secondo set, Keys ha ottenuto un break point ma non ce l’ha fatta. Barty ha quindi spinto e ha semplicemente servito la partita.

“È fantastico. Adoro questo torneo. Come ‘australiani’, siamo così incoraggiati nel nostro ‘cortile di casa’. E ora ho l’opportunità di giocare per un titolo, il che è fantastico”, ha detto Barty durante la sua intervista in campo.

Al torneo del Grande Slam nel suo paese, Barty può vincere il suo terzo titolo del Grande Slam. È stata la migliore al Roland Garros nel 2019 e ha vinto Wimbledon l’anno scorso.

Danielle Collins.

Danielle Collins.

Collins via Swiatek per la prima finale del Grande Slam

Barty affronterà Danielle Collins nella finale di sabato. L’americano si è qualificato per la finale a spese di Iga Swiatek. In 78 minuti è diventato 6-4 6-1. Il numero 30 del mondo non ha mai partecipato alla battaglia finale di un grande slam prima d’ora.

Dopo poco più di quarantacinque minuti, Collins ha concluso con un rovescio devastante troppo potente per il polacco. Nel secondo set, Swiatek è stata sopraffatta dal suo avversario, che ha prodotto un vincitore dopo l’altro. In totale, ha ottenuto 27 vincitori, di cui 7 con la sua rimonta. Ha notato 13 errori non necessari.

READ  "Bacio Giampaolo? È una brava persona anche se non ho giocato molto"

“Non potrei essere più felice ed è bello”, ha detto Collins (28) dopo aver raggiunto la finale. “Ripenso al viaggio qui, a tutto il duro lavoro, agli allenamenti mattutini con mio padre, per la scuola. È incredibile.”

Tre anni fa, Collins ha fatto la sua svolta avanzando alle ultime quattro degli Australian Open con sorpresa di tutti. È stata poi fermata in semifinale dalla ceca Petra Kvitova.

Alla fine del 2019, a Collins è stato diagnosticato un reumatismo, ma è tornata bene. “Ora ho iniziato il trattamento e sto raccogliendo questa sfida. Ogni giorno in cui sei in salute è un dono. Sono motivata al 100% a combattere, dentro e fuori pista”, scrisse all’epoca. Nel 2020 ha raggiunto i quarti di finale al Roland Garros, ma per il resto non ha mai superato il terzo round.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *