Il Feyenoord subisce una dolorosa sconfitta contro la Lazio e inizia male l’Europa League |  ADESSO

Il Feyenoord subisce una dolorosa sconfitta contro la Lazio e inizia male l’Europa League | ADESSO

Giovedì il Feyenoord ha iniziato male la stagione di Europa League. La squadra di coach Arne Slot ha subito una dolorosa sconfitta contro la Lazio, club di Serie A: 4-2.

Il Feyenoord è stato surclassato dalla Lazio dal calcio d’inizio a Roma e ha già affrontato uno svantaggio di 3-0 dopo 28 minuti. Luis Alberto ha aperto le marcature per il numero nove di Serie A dopo quattro minuti, dopo di che Felipe Anderson e Matías Vecino sono stati precisi.

Dopo l’intervallo, il Feyenoord è entrato in gioco meglio, ma questo non ha portato grandi occasioni per il club dell’Eredivisie. Poi il declino dei Rotterdammers si completa con il 4-0 di Vecino. Il 4-1 di Santiago Giménez dal dischetto e il bellissimo 4-2 di Oussama Idrissi sono stati una copertura emorragica per gli ospiti.

Il Feyenoord, ad esempio, ha avuto un brutto inizio di stagione di Europa League. I Rotterdammers sono ultimi nel girone con Sturm Graz e FC Midtjylland. Lo Sturm Graz ha vinto 1-0 contro il Midtjylland giovedì sera. Giovedì prossimo gli austriaci affronteranno il Feyenoord a De Kuip.

Il Feyenoord ha avuto una stagione da favola nella Conference League prima di allora. La squadra di Coach Slot ha raggiunto la finale la scorsa stagione, con la quale i Rotterdam hanno partecipato alla finale europea per la prima volta dal 2002. L’AS Roma, rivale storica della Lazio, era troppo forte per 1-0. Il Feyenoord ha poi visto sette giocatori principali andare all’estero.

Il Feyenoord tornerà in azione domenica in Eredivisie. Poi al De Kuip è in programma il derby cittadino contro lo Sparta Rotterdam. La squadra di Rotterdam ha iniziato bene la competizione con tredici punti nelle prime cinque partite.

Il Feyenoord non ha avuto niente da dire alla Lazio.


Il Feyenoord non ha avuto niente da dire alla Lazio.

Il Feyenoord non ha avuto niente da dire alla Lazio.

Foto: Getty Images

Il Feyenoord viene eliminato prima dell’intervallo

Con in mente il successo della Conference League della scorsa stagione, i fan del Feyenoord desiderano ardentemente una nuova fiaba in Europa, ma a Roma è diventato subito chiaro che non era nelle carte del Feyenoord fortemente rinnovato.

Fin dal primo minuto allo Stadio Olimpico, il Feyenoord non ha avuto niente da dire contro la Lazio, dove il fuoriclasse Sergej Milinkovic-Savic era addirittura in panchina. Dopo quattro minuti era già a terra per la squadra di casa. Gernot Trauner si sbagliava di grosso quando Luis Alberto montava un attacco con Vecino. Lo spagnolo non ha lasciato nessuna chance al portiere del Feyenoord Justin Bijlow: 1-0.

Poi è andata di male in peggio al Feyenoord, che è stato giocato da pilastro a palo in Italia. Dopo quindici minuti di gioco era già 2-0 per la Lazio. I padroni di casa escono molto rapidamente dopo un cross fallito di Javairô Dilrosun e Bijlow non risponde al tiro dalla distanza di Felipe Anderson.

Fu poi grazie a Bijlow che il 3-0 non fu superato, ma al 28′ cadde il terzo gol della Lazio. Il portiere del Feyenoord non regge bene un tiro di Mattia Zaccagni e Vecino si limita a centrare il rimbalzo. Lo smantellamento totale del Feyenoord era quindi già un dato di fatto prima dell’intervallo.

READ  Il mondo del calcio simpatizza in massa con l'addetto stampa del PSV, gravemente malato, Thijs Slegers, che invita le persone a diventare donatori | PSV

Il Feyenoord riceve un goal d’onore

Dopo la pausa, la Lazio ha visibilmente rallentato, sapendo che la vittoria era già un dato di fatto. L’allenatore Slot ha portato Alireza Jahanbakhsh all’intervallo al Feyenoord, ma gli ospiti non hanno avuto molto controllo sul gioco.

Dopo più di un’ora di gioco, la Lazio cade addirittura sul 4-0: Vecino si fa largo abbastanza facilmente nel cuore della difesa del Feyenoord e questa volta lascia senza scampo il portiere Bijlow. Era scioccante quanto fosse debole il Feyenoord.

Cinque minuti dopo, il Feyenoord è finalmente arrivato al tabellone. Dopo un fallo su Giménez, l’arbitro punta il dito e il messicano si spara a 11 metri. Sembrava il gol d’onore del Feyenoord, ma la squadra di Rotterdam ha continuato.

A due minuti dalla fine, questa offensiva porta al 4-2 di Idrissi, che va a segno con un bel tiro dal fondo della traversa. Il Feyenoord sembrava addirittura avere una grande occasione sul 4-3 quando l’arbitro ha segnato di nuovo il punto nei minuti di recupero, ma il VAR ha ribaltato quella decisione. Era stato anche troppo bello per il Feyenoord in una notte che presto sarà dimenticata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *