Il gasdotto per una potenziale soluzione al problema del gas si ferma improvvisamente in Spagna

“La Francia si è ritirata alcuni anni fa dopo un’indagine sui propri fornitori di energia francesi”, afferma Joan Pons, che ha lavorato per molti anni come ingegnere per le principali società catalane del gas. “Hanno detto che non erano interessati all’oleodotto e che l’energia prodotta dalle centrali nucleari era sufficiente. L’oleodotto era terminato”.

I francesi volevano andare oltre solo se Bruxelles avesse fatto l’investimento, continua. “Ma anche l’Europa non era più interessata alla gestione. La fornitura di gas attraverso la Gazprom russa era garantita e affidabile, come si vedeva in tutta Europa. Ma questa idea è stata ovviamente completamente cambiata dalla guerra in Ucraina”.

Il GNL dagli Stati Uniti o dal Qatar come soluzione

La costruzione del gasdotto MidCat tra Spagna e Francia è iniziata dieci anni fa. Il tubo del gas era un’idea europea. Doveva completare due gasdotti esistenti nei Paesi Baschi e, infine, raddoppiare la capacità della rete. I paesi europei potrebbero così ottenere forniture di gas liquefatto (detto anche GNL) dagli Stati Uniti o dal Qatar, ad esempio, e sarebbero molto meno dipendenti da un unico fornitore russo.

Il progetto non è mai stato completato, poiché la Francia si è ritirata nel 2019. “I francesi pensavano che il progetto fosse troppo costoso. La gente nei Pirenei francesi era contraria e faceva male all’ambiente”, ha detto il corrispondente Frank Renout. “Un altro argomento era che il gasdotto semplicemente non poteva compensare il gas russo”.

READ  Covid, picco assoluto di casi in Francia e Gran Bretagna | La Germania pensa piuttosto a un "duro lockdown"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.