Il giudice bielorusso infligge sei anni di carcere alla fidanzata del blogger Protasevich

Il giudice bielorusso infligge sei anni di carcere alla fidanzata del blogger Protasevich

La fidanzata del dissidente bielorusso Roman Protasevich è stata condannata a sei anni di carcere per incitamento all’odio da un tribunale della città bielorussa di Grodno. Lo riporta l’organizzazione per i diritti umani Vyasna. La russa Sofia Sapega ha accompagnato il suo partner nel maggio dello scorso anno su un volo che è stato costretto ad un atterraggio di emergenza in Bielorussia. La destinazione del volo era la capitale lituana Vilnius, residenza degli esuli Protasevich e Sapega.

La coppia è stata successivamente rimossa dall’aereo dalle forze di sicurezza bielorusse e arrestata. La comunità internazionale ha visto la mano del presidente bielorusso Lukashenko nella manipolazione del furto, ma ha negato qualsiasi coinvolgimento. Il caso ha suscitato scalpore nel mondo occidentale e ha portato a sanzioni dell’UE e degli Stati Uniti contro la Bielorussia.

Protasevich è stato attivo come blogger su Telegram, dove ha criticato aspramente il presidente autoritario filo-russo Lukashenko. Il suo canale Nexta Live ha svolto un ruolo importante nella massiccia opposizione alla rielezione di Lukashenko dopo le presunte elezioni fraudolente del 2020.

Sapega (24) è noto solo per aver studiato giurisprudenza a Vilnius. Le autorità bielorusse hanno pubblicato lo scorso anno a video in cui confessa una pubblicazione critica, Libro nero della Bielorussia, aveva collaborato. È opinione diffusa che tali confessioni vengano estorte in Bielorussia. È stata anche rilasciata una confessione filmata di Protasevich. Il suo caso non è stato ancora giudicato.

READ  Foto della festa di Boris Johnson durante il lockdown: 'Pubblicate nell'interesse del pubblico britannico' | All'estero

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *