Il gruppo del Giro sbaglia i calcoli: il primo rifugiato Dries de Bondt vince la 18a tappa |  bicicletta

Il gruppo del Giro sbaglia i calcoli: il primo rifugiato Dries de Bondt vince la 18a tappa | bicicletta

In genere si pensava in anticipo che si sarebbe trasformato in uno sprint di gruppo, ma il gruppo ha calcolato male. I quattro fuggitivi si sono rivelati molto avanti nella fase finale della gara. Le squadre di velocisti sono arrivate troppo tardi per sorpassarle.

Ecco le immagini dell’emozionante finale

Fonte: scoperta +

Per De Bondt si tratta della prima vittoria di tappa al Giro d’Italia e della sesta vittoria professionistica. La sua squadra Alpecin-Fenix ​​​​​​​ ha già vinto tappe in questo Giro con Mathieu van der Poel e con l’italiano Stefano Oldani.

Non chiudere più il buco

Il gruppo di testa di quattro corridori ha ricevuto rapidamente l’autorizzazione dal gruppo, dove il numero 4 portoghese in classifica João Almeida non era partito dopo un test corona positivo. Le squadre dei velocisti Arnaud Démare e Mark Cavendish speravano in particolare in uno sprint imponente. Il quartetto quindi non ha preso un grande vantaggio, solo circa 2 minuti.

Con la salita del ripido Muro di Ca’ del Poggio a circa 50 chilometri dal traguardo, il vantaggio del gruppo di testa è leggermente aumentato, ma non più di 3 minuti. Tuttavia, i corridori di Quick-Step – Alpha Vinyl e Groupama-FDJ non sono riusciti a colmare il divario con i leader. L’italiano Alberto Dainese ha vinto lo sprint del gruppo con 14 secondi di vantaggio su Arnaud Démare, lo sprinter francese con la maglia a punti.

Pneumatico a terra Hindley

La maglia rosa resta in possesso di Richard Carapaz. L’ecuadoriano di Ineos Grenadiers ha 3 secondi di vantaggio sull’australiano Jai Hindley. Il corridore di Bora-hansgrohe è rimasto indietro a causa di una foratura negli ultimi chilometri, ma ha ottenuto lo stesso tempo del primo gruppo.

READ  Le azzurre sfiorano limpresa con la Svezia: raggiunte al 96 dopo il vantaggio di Giacinti

Il Giro d’Italia dura fino a domenica. Mancano ancora due tappe in montagna e una cronometro a Verona.

De Bondt vede il sogno diventare realtà con la vittoria della tappa del Giro

De Bondt ha visto realizzarsi un sogno nella diciottesima tappa del Giro d’Italia. “Non posso crederci. È fantastico”, ha detto il ciclista di 30 anni.

“Quando ho iniziato come ciclista avevo dei sogni”, ha detto De Bondt. “Quei sogni sono diventati obiettivi, poi li realizzi in modo efficace. Poi i tuoi sogni diventano più grandi, fissati di nuovo obiettivi. Quest’anno volevo vincere una tappa di questo Giro e ora l’ho fatto”.

Per fare questo, De Bondt e i suoi compagni rifugiati hanno dovuto stare in testa al gruppo. “Non era solo il mio lavoro, ma quello di tutto il gruppo di testa. La collaborazione è stata incredibile. Ci siamo voltati fino all’ultimo miglio. Nessuno ha saltato un giro, ognuno di noi ha fatto il suo lavoro. Era stato scritto in anticipo nelle stelle che sarebbe stato uno sprint con Arnaud Démare, Mark Cavendish o Alberto Dainese, ma avevamo fatto un piano lungo la strada e ci siamo attenuti e l’abbiamo salvato”.

Evenepoel in testa dopo la seconda vittoria di tappa del Tour of Norway

Remco Evenepoel ha firmato la sua seconda vittoria di tappa al Giro di Norvegia. Il 22enne belga di Quick-Step – Alpha Vinyl ha vinto la terza tappa, una tappa di montagna con arrivo a Gaustatoppen dopo 175,8 chilometri dopo una solitaria sulla salita finale. Ha anche assunto la maglia di leader dal norvegese Tobias Halland Johannessen, che è arrivato quarto a 1,21 minuti.

READ  Van Nistelrooy non manderà lo staff al PSV la prossima stagione | Calcio

Evenepoel aveva già vinto la prima tappa del Giro di Norvegia. Con la sua seconda vittoria di tappa, il suo numero di vittorie in questa stagione ammonta a sei. In precedenza ha vinto il Giro dell’Algarve e la classica Liegi-Bastogne-Liegi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *