MotoGp: Ducati svela Desmosedici, nuova rossa per il 2021 – sport

Rosso fiammeggiante. Seguendo la tradizione. Rosso, come la passione che scorre tra i suoi tifosi, la più calda di tutto il circo della MotoGP.
Archiviata nel 2020 con il titolo mondiale costruttori, Ducati svela – online – la sua Desmosedici con la livrea 2021, gli inserti aggressivi sulle carene, il logo nero del Lenovo – colosso informatico che da tre anni diventa title sponsor – e la grinta di chi punta per tornare in vetta anche tra i piloti con il campione scomparso dal 2007 quando Casey Stoner riportò il Borgo Panigale sul tetto del mondo.
Che questa stagione – hanno elogiato Andrea Dovizioso e Danilo Petrucci – si basa sulla giovinezza del 26enne australiano Jack Miller e del 24enne italiano Francesco “Pecco” Bagnaia.
“L’inizio di una nuova stagione sportiva è sempre una grande emozione – spiega sul web l’amministratore delegato Ducati Claudio Domenicali – che affrontiamo con dedizione e passione motivati ​​dal supporto dei Ducatisti di tutto il mondo. La gara – aggiunge – è fatta di passione, sono fatti di applausi e in Ducati sentiamo passione e applausi. Veniamo via con la forza del titolo iridato costruttori vinto lo scorso anno nonostante le complessità che ci hanno costretto a superare ostacoli e situazioni che non avevamo mai vissuto prima: devo ringraziare tutti gli uomini e le donne della Ducati per questo che hanno fatto ” .
Con l’avvicinarsi della stagione, prosegue Domenicali, “le notizie sono abbondanti e la prima riguarda Lenovo, che è già con noi da anni ma che dal 2021 diventerà title partner del team ufficiale Ducati MotoGp. Sui parabrezza delle nostre nuove moto cambiano anche loro, belli nel loro colore rosso: Jack Miller “con 43 e” Pecco Bagnaia “con 63” sono piloti giovani e talentuosi che ci fanno guardare con ottimismo a questa stagione “.
E in attesa del debutto sul circuito del Qatar il 28 marzo – con le moto “ congelate ” in sviluppo per il 2020 secondo il regolamento e una sola possibile evoluzione aerodinamica – i due piloti, del team satellite Pramac, stanno affinando il loro buone intenzioni.
“Quando mi è stato detto che ero nella squadra ufficiale, è stato un momento di massimo piacere per me – racconta Bagnania -: essere un pilota ufficiale Ducati è quanto di meglio posso chiedere. Il potenziale della moto e della squadra c’è: la moto era già l’anno scorso, era molto veloce quando riusciva ad essere competitiva, era la più forte di tutte ”.
Parole riecheggiate da quelle di Miller, australiani come Troy Bayliss e Casey Stoner, eterni idoli del popolo “rosso”.
“Indossare questo colore in Motogp è un grande onore per me.
Essere qui – dice – è un grande traguardo, un grande sogno che si avvera ma sento di avere ancora tanto da dare: faremo del nostro meglio per portare a casa il mondiale “che, in giro per Bologna, manca da troppo tempo .

READ  Grassani: "Juve-Napoli 3-0 al tavolo? Ribaltamento del rigore"

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA