Il magistrale Pogacar vince il forte giallo Van Aert al Tour de France |  bicicletta

Il magistrale Pogacar vince il forte giallo Van Aert al Tour de France | bicicletta

Il giocatore della maglia gialla Wout van Aert ha dato il colore al palco con una bella fuga. Van Aert è stato all’attacco per 209 chilometri, ma alla fine ha dovuto pagare il prezzo perdendo la testa della classifica generale.

“Wout aveva qualcosa in mente, lo sapevamo”, ha detto il compagno di squadra Steven Kruijswijk. “Voleva creare la possibilità di vincere la tappa nel gruppo di testa. Penso che abbia distrutto il gruppo nella prima ora e mezza.

“Il piano era buono, l’esecuzione è andata abbastanza vicino, ma non possiamo semplicemente aggiustarlo”

L’attacco di Van Aert ha fatto sì che gli altri corridori della Jumbo-Visma non dovessero registrarsi nel gruppo. “Sapevamo che sarebbe stato molto difficile se avessimo dovuto controllare tutto il giorno e che nei giorni a venire sarebbe stato quasi impossibile”.

Wout van Aert con Quinn Simmons e Jakob Fuglsang al volante.

Wout van Aert con Quinn Simmons e Jakob Fuglsang al volante.

“Il piano era buono, l’esecuzione è stata abbastanza ravvicinata, ma non possiamo farcela con 22 squadre nel gruppo”, ha descritto Kruijswijk descrivendo le tattiche della squadra durante la partita. ILLUMINATO† „In retrospettiva, si può dire che avremmo dovuto portare Wout al traguardo, ma è ancora discutibile se ci saremmo arrivati ​​con Wout per la vittoria. Domani a La Planche des Belles Filles avrebbe detto addio alla maglia gialla, quindi è il momento di salutarlo”.

La tappa più lunga del Tour de France (219,9 chilometri) ha portato il gruppo da Binche in Belgio alle Ardenne francesi. Mentre le nuvole di fumo erano nervose come l’inizio fulmineo della tappa, uno dei favoriti per la vittoria era già nel gruppo di testa. Stiamo parlando di Van Aert qui. Il belga di Jumbo-Visma era accompagnato da Jakob Fuglsang e Quinn Simmons.

READ  Serie A, massimo 5.000 spettatori allo stadio fino a fine gennaio

Van der Poel

Molto indietro, Mathieu van der Poel ha dovuto concludere ancora una volta di non avere ancora le gambe. Anche il 27enne olandese dell’Alpecin-Deceuninck non ha potuto partecipare alla tappa acciottolata di mercoledì, normalmente è uno dei migliori in questo tipo di tappa. Anche il leader di Jumbo-Visman ha perso quasi due minuti in questa tappa a causa di una caduta. Lo sloveno ha sistemato con le proprie mani la spalla lussata.

A 60 chilometri dalla fine, Van Aert e Simmons si sono sbarazzati di Fuglsang e insieme hanno cercato di stare alla larga dal gruppo di inseguitori. Altri 30 chilometri dopo, Van Aert pensava che Simmons non stesse andando abbastanza veloce e si allontanò dall’americano. Alla fine, lo stesso Van Aert è durato quasi 20 chilometri prima di essere inghiottito lui stesso.

pogacar

Poi i grandi uomini entrarono in battaglia. A cinque chilometri dal traguardo c’era una salita per venijing. Il francese Alexis Vuillermoz ha fatto un tentativo. Un chilometro e mezzo prima del traguardo, è stato catturato. Tadej Pogacar ha poi portato via tutti e ha ripreso il giallo da Van Aert.

Newsletter Telesport

Ogni giorno le più importanti notizie sportive, risultati, analisi e interviste.

Indirizzo email non valido. Si prega di compilare di nuovo.

Giglio qua la nostra politica sulla privacy.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *