Il massimo consigliere ucraino: “Con i caccia polacchi possiamo fermare i russi”

Il massimo consigliere ucraino: “Con i caccia polacchi possiamo fermare i russi”

il possibilità di consegna I caccia polacchi diretti in Ucraina potrebbero essere un punto di svolta nella guerra. Questo è quanto ha detto a NOS Markiyan Lubkivsky, consigliere del ministro della Difesa ucraino. “Può anche aiutarci a battere i russi in aria”.

Non si sa ancora come e quando verranno trasferiti i caccia, del tipo MiG-29. Gli Stati Uniti si dicono sorpresi dall’offerta polacca; l’altro ieri il Segretario di Stato americano ha affermato che si sta lavorando a un accordo MiG.

Lubkivsky prevede che un totale di 70 jet da combattimento saranno consegnati “oggi o domani”. 28 proverrebbero dalla Polonia, il resto da altri stati membri della NATO.

I caccia MiG-29 sono stati sviluppati negli anni ’70 dall’Unione Sovietica e diversi paesi dell’Europa centrale e orientale li usano ancora, tra cui Slovacchia e Bulgaria. La Polonia ha chiesto loro di metterli a disposizione anche dell’Ucraina.

L’intenzione è che l’aereo venga prima trasportato alla base militare statunitense di Ramstein in Germania. Secondo la Polonia, spetta agli americani consegnare i MiG in Ucraina. Varsavia non voleva una fornitura diretta all’Ucraina, poiché ciò avrebbe interferito con il conflitto. La Polonia sta consegnando gratuitamente i caccia, ma spera che il paese riceverà F-16 dagli Stati Uniti per colmare il vuoto nella flotta.

Alternativa alla no-fly zone

Lubkivsky si aspetta che i caccia polacchi guidino l’Ucraina a prendere il controllo del proprio spazio aereo. “Siamo in buona forma a terra, ma non in aria. Se chiudiamo lo spazio aereo, la situazione cambierà drasticamente. Ciò aumenterà la pressione su Putin per fermare la sua aggressione”.

L’Ucraina ha ripetutamente invitato i paesi della NATO a istituire una “no-fly zone”. In questo caso, la NATO dovrebbe garantire che gli aerei russi siano banditi dallo spazio aereo ucraino. Ai paesi della NATO, compresi i Paesi Bassi, questo non piace, per paura di un’ulteriore escalation guerra e relazioni con la Russia.

READ  Gonfiore del viso e miocardite, nuovo allarme vaccino

Lubkivsky respinge questa argomentazione. “La terza guerra mondiale è già iniziata. Questa non è una guerra tra Russia e Ucraina, ma la Russia contro il mondo civile. Se perdiamo questa, l’UE sarà la prossima vittima”.

Lubkivsky vede la consegna di aerei da combattimento come un’alternativa a tale no-fly zone. Cita il primo ministro britannico in tempo di guerra Winston Churchill, che si rivolse agli Stati Uniti durante la seconda guerra mondiale con: parole famose“Dateci gli strumenti e finiremo il lavoro”. In altre parole: consegna le cose e l’Ucraina lo risolverà da sola.

Anche dopo la consegna di 70 MiG, l’aeronautica russa è molte volte più grande. Ecco la flotta all’inizio della guerra:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *