Il nuovo comandante della Russia in Ucraina sembra destinato a crescere

Il nuovo comandante della Russia in Ucraina sembra destinato a crescere

AFP

Notizie ONS

  • Iris di Graaf

    Corrispondente dalla Russia

  • Iris di Graaf

    Corrispondente dalla Russia

Ancora una volta le carte si rimescolano al ministero della Difesa russo: Valeri Gerasimov, capo di stato maggiore dell’esercito russo, è stato nominato nuovo comandante delle forze armate russe in Ucraina. Ha dato i suoi frutti RIA Novosti sulla base di fonti all’interno del Ministero della Difesa russo. Gerasimov sostituisce il generale Sergei Soerovikin, che sarebbe stato il suo vice.

Si tratta dell’ennesimo cambio al vertice dell’esercito in breve tempo; Soerovikin era stato nominato comandante della “operazione speciale” 8 ottobre. È stato il giorno in cui il ponte tra la Russia e la Crimea ha subito un’esplosione era gravemente danneggiato. Sotto la guida di Serovikin, la Russia ha quindi effettuato i più grandi attacchi missilistici dall’inizio dell ‘”operazione speciale” il 24 febbraio. Anche l’infrastruttura energetica dell’Ucraina è diventata un obiettivo.

Cherson

Soerovikin è noto come “Generale Armageddon” o il generale che dà fuoco al mondo. Il Cremlino sperava di riformare l’esercito con Soerovikin e ottenere più successo in Ucraina. Soerovikin, secondo gli analisti militari, è riuscito lentamente a organizzarsi meglio e a instillare più disciplina nell’esercito, ma è anche associato a ritiro Truppe russe da Kherson in ottobre, una delle più grandi sconfitte di Putin nell’ultimo anno.

Gerasimov è conosciuto come un generale intelligente e rispettato. La Russia spera di invertire la tendenza con lui. In una dichiarazione, il ministero della Difesa russo ha affermato che “il miglioramento della leadership dell’operazione militare speciale” è necessario a causa dell’aumento dei compiti e degli obiettivi che l’esercito russo sta cercando di raggiungere e che è necessario migliorare il coordinamento tra unità dell’esercito. e un migliore controllo delle forze armate.

READ  Occupato a causa dell'inizio delle vacanze estive nella regione del sud

Comando dell’esercito di un solo uomo

Diversi blogger militari affermano che per vincere bisogna avere qualcuno al vertice che colleghi tutte le “strutture”. Ad esempio, il blogger militare Shurigin scrive su Telegram che ci sono troppe operazioni separate: l’esercito ceceno sta combattendo sotto la guida di Ramzan Kadyrov, l’esercito mercenario wagneriano sotto la guida di Evgeny Prigozhin e l’esercito russo ufficiale combatte sotto la guida di Surovikin.

“Ora tutti i tipi di forze armate russe, dall’aeronautica e dal GROE (intelligence) alla marina e alle forze armate ucraine, sono sotto la stessa persona: Gerasimov. Una tale unione di forze non ha precedenti”, scrive Shurigin.

Ridimensionamento

Gerasimov, che era quindi già il soldato russo di più alto rango sotto il Ministero della Difesa, guadagnerà ancora più potere come comandante in capo della “operazione speciale” contro l’Ucraina e ora comanderà tutte le forze armate russe. sia in Russia che in Ucraina. L’esercito, l’aeronautica ei servizi segreti, tutti sotto il comando dello stesso uomo. Il ministero della Difesa spera che ciò renda “più efficace” l’operazione speciale.

Ma sembra anche indicare principalmente uno spostamento verso l’alto. Non è ancora chiaro come sarà in pratica, ma i blogger e gli analisti militari si aspettano di vedere presto un’altra offensiva su vasta scala sotto Gerasimov.

Nuova mobilitazione

Tra i russi ordinari, questo solleva molte domande. Ad esempio, la gente si chiede se questo significhi automaticamente che l’intero esercito russo sarà schierato nei combattimenti in Ucraina. O che sotto Gerasimov potrebbe essere annunciato un nuovo ciclo di mobilitazione.

È chiaro, tuttavia, che la nomina di Gerasimov rientra negli obiettivi militari del ministro della Difesa Shoygu e del presidente Putin annunciati a dicembre: intensificare l’“operazione speciale” attraverso riforme dell’esercito. Il discorso di fine anno di Putin ha anche chiarito che per lui non si può tornare indietro: ha invitato il popolo russo a prepararsi per “pesanti sacrifici e una lunga lotta”. Interventi sempre più duri e progressivi rimarranno quindi la linea che la Russia sta seguendo per il momento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *