Tre anni dopo la Brexit, gli inglesi stanno ancora aspettando profitti

Tre anni dopo la Brexit, gli inglesi stanno ancora aspettando profitti

PAPÀ

Notizie ONS

  • Lancio di fiori

    Corrispondente dal Regno Unito e dall’Irlanda

  • Lancio di fiori

    Corrispondente dal Regno Unito e dall’Irlanda

Quando il Regno Unito ha ufficialmente lasciato l’Unione Europea esattamente tre anni fa oggi, la parola B è stata bandita. Gli inglesi erano stufi della Brexit, il Paese era diviso da anni. È successo, non ne parliamo più, è stata la sensazione.

Ma ora la conversazione è tornata e l’opinione pubblica sulla Brexit sembra cambiare. Secondo i sondaggi, la maggioranza dei britannici è ora contraria all’uscita dall’Unione Europea: il 56% degli intervistati considererebbe la Brexit una “cattiva idea”, mentre solo il 32% sostiene ancora che sia un buon piano.

Per la prima volta dal referendum sulla Brexit (che ha diviso il Paese in 48% contrari e 52% favorevoli), ora c’è la maggioranza dei votanti per la Brexitrimpianti, persone che si pentono di aver lasciato l’UE. Loro soffrono Bre-gretScherzi dei media britannici.

Economia inferiore

Potrebbe essere correlato agli svantaggi economici della Brexit, che stanno diventando sempre più evidenti? Enfasi su “qualcosa”; perché tutti gli effetti dell’uscita britannica non si sono affatto cristallizzati ed è ancora difficile per gli economisti isolare gli effetti della Brexit dalla pandemia del coronavirus e dalla crisi energetica.

Prendiamo, ad esempio, l’esodo dei lavoratori europei durante il coronavirus, che sono tornati in numero minore a causa della Brexit. È a causa della Brexit o della pandemia? È difficile da determinare.

Mercato del lavoro ristretto

L’economia del Regno Unito sembra meno resiliente dopo la Brexit: i problemi che stiamo riscontrando in tutta Europa sembrano colpire più duramente l’economia del Regno Unito. Prendiamo le cifre dell’inflazione che, proprio come nei paesi vicini, sono state in gran parte causate dagli alti prezzi mondiali dell’energia. Ma nel Regno Unito, questi sono ancora spinti verso l’alto da un mercato del lavoro ristretto e costi di importazione più elevati.

La sensazione che le cose non stiano andando bene nel Paese contribuisce anche al pessimismo nazionale sulla Brexit. Per qualche tempo il Regno Unito è stato afflitto da un’ondata di scioperi nel settore pubblico.

I lavoratori chiedono soldi extra, che secondo il governo non sono disponibili. Il settore sanitario del Regno Unito in particolare, con 7,3 milioni di persone in lista d’attesa, è in crisi a causa di una combinazione di sottopagamenti e carenza strutturale di personale. Carenza di personale, anche in parte a causa della Brexit.

Ieri sera Nieuwsuur ha prestato attenzione anche a tre anni di Brexit:

La Brexit non è più un argomento tabù nel Regno Unito

Non solo cattive notizie

Non cadere nella trappola di’Cattive notizie Gran Bretagna‘, suona dall’altra parte dello spettro politico. Come ogni cosa al mondo, anche le personalità economiche hanno colori politici. Le sfide a breve termine non dovrebbero offuscare il quadro a lungo termine, afferma il segretario al Tesoro Hunt. “Se riusciamo a dimezzare l’inflazione il prossimo anno, il Regno Unito può crescere più velocemente di Germania e Giappone negli anni a venire”, afferma.

Al di là delle tendenze attuali, il Regno Unito rimane uno dei luoghi più prosperi del mondo: è la sesta economia più grande del mondo. Inoltre, la Brexit ha consentito al Paese di prendere decisioni in modo più rapido e autonomo. Ad esempio, il Regno Unito sta guidando il sostegno militare dell’Europa all’Ucraina ed è stato in grado di approvare e distribuire un vaccino molto più velocemente dei 27 Stati membri dell’UE durante la pandemia.

READ  Zakia Seddiki, assistente sociale moglie dell'Ambasciatore Attanasio

Tabù politico

Sebbene l’opinione pubblica stia cambiando, politicamente parlando, la Brexit rimane un argomento tabù. Anche il partito laburista all’opposizione è straordinariamente tranquillo quando si tratta di un possibile futuro riavvicinamento all’Europa. Il partito in testa ai sondaggi e pronto a vincere le elezioni nazionali del prossimo anno sta strategicamente mantenendo un profilo basso, sapendo che l’elettorato nel nord dell’Inghilterra potrebbe produrre elettori instabili per la Brexit.

Nel frattempo, l’intero partito conservatore si attiene rigorosamente alla sua missione di evidenziare i vantaggi della Brexit e collocare il vento contrario economico principalmente in un contesto globale.

Tuttavia, il primo ministro Sunak sembra lavorare dietro le quinte per trovare al più presto una soluzione per risolvere l’enigma del dossier sul confine nordirlandese. La speranza è che si raggiunga finalmente un accordo con Bruxelles prima del 25° anniversario dell’Accordo del Venerdì Santo in aprile. Giusto in tempo per stendere il tappeto rosso per la visita del presidente degli Stati Uniti Biden – e ancora una volta per scoprire come vede questo accordo commerciale con gli Stati Uniti a lungo rimandato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *