Il Nuovo Ordine Mondiale contro Trump? QAnon, la setta che spaventa gli Stati Uniti | VIDEO

Notizie |


QAnon non è solo una teoria del complotto, è una vera e propria allucinazione collettiva che affligge parti degli Stati Uniti. Secondo i follower, c’è un complotto nascosto di Deep State che mira a cacciare Donald Trump. Roberta Rei ci accompagna a scoprire chi è riuscito a uscire dalla setta e chi è caduto nella “tana del coniglio”

“Viene per te, viene nel tuo paese”. Roberta Rei, nel servizio che vedete sopra, ci porta a scoprire una teoria del complotto che si trasforma rapidamente in una vera e propria allucinazione collettiva: si chiama QAnon ed è una setta che gioca un ruolo importante nella campagna elettorale presidenziale di novembre.

Secondo questo assurdo “culto” esisterebbe un piano di stato profondo e il nuovo ordine mondiale per cacciare la Casa Bianca Donald Trump, il “guerriero Q” che combatte contro questi “poteri forti” accusati di collusione con le reti satinate e con i pedofili. L’FBI ha iniziato a vedere questa setta, a cui molte persone aderiscono e che sta diventando sempre più estremista, come una minaccia terroristica.

Ma come è iniziato tutto? Con il Scandalo via e-mail di Hillary Clinton pubblicate da Wikileaks alla vigilia della campagna presidenziale del 2016. Secondo alcuni siti della destra americana, queste conversazioni contengono messaggi segreti legati al mondo della pedofilia e del satanismo: Hillary Clinton e il suo team hanno abusato, violentato e divorato i bambini in una nota pizzeria di Washington che si dice sia un luogo di ritrovo per i satinati.

La nostra Iena ci porto a conoscere questo mondo assurdo, parlando a chi è riuscito a uscire da questa setta e chi invece è fermamente convinto delle teorie del culto QAnon: sei pronto a tuffarti con noi nella “tana del coniglio”? Guarda il report di Roberta Rei all’inizio di questo articolo.

READ  Otto e Mezzo, Enrico Mentana "terrorizzato" di Lilli Gruber? Ultimi clamorosi secondi del TgLa7 - Libero Quotidiano

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *