Il PD sceglie la via della prudenza: servono regole rigide per tutelare la scuola

Impressione

“Dobbiamo scegliere il male minore. Negli Stati Uniti, il Giorno del Ringraziamento, c’è stata una crescita esponenziale delle infezioni. Dobbiamo decidere cosa vogliamo fare. Se vogliamo rimandare i bambini a scuola il 7 gennaio, non possiamo correre alcun rischio ”.

Lo dice il vice segretario del Pd, Andrea Orlando, al Tg4. Pertanto, “Devi rallentare un po ‘durante le vacanze e siccome gli inviti a restare a casa non bastano, servono regole”.

“Gli studenti hanno il diritto di tornare a scuola in modo rapido e sicuro. Tuttavia, tutto dipende dall’evoluzione della curva di contagio. Per questo non ci stancheremo mai di esortare tutti a stare attenti, a evitare i raduni e a rinunciare al Natale come al solito. Devi capire che non può essere come quello degli anni precedenti. Stiamo però lavorando con le Regioni, sia per fare il punto sui trasporti (sarebbe auspicabile avere mezzi dedicati solo agli studenti) sia per un percorso preferenziale per campionature e prove rapide per studenti. Inoltre sono già stati aperti i tavoli con i prefetti, molto utili per riunire rappresentanti istituzionali locali, proprio in relazione alle esigenze dei diversi territori. Quanto alla possibilità per gli insegnanti di riunirsi alle proprie famiglie per Natale, credo che il governo deciderà il prima possibile, a seconda degli elementi a sua disposizione, come i dati CTS ”.

Allora Camilla Sgambato, direttore della scuola di partito.

Impressione

READ  Il Nuovo Ordine Mondiale contro Trump? QAnon, la setta che spaventa gli Stati Uniti | VIDEO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *