Il presidente della Macedonia del Nord porta a scuola una ragazzina di 11 anni vittima di bullismo

Embla frequenta la Bashkimi Unity School nella città di Gostivar, nella Macedonia del Nord occidentale. Secondo i genitori dei suoi compagni di classe, è aggressiva nei confronti degli altri bambini. Volevano che Embla fosse cacciato dalla scuola. Secondo gli operatori sanitari, la ragazza non ha mostrato tendenze aggressive.

Il preside della scuola ha cercato di risolvere il problema facendo ruotare Embla tra classi diverse. Ma per molti genitori questo non era abbastanza. Boicottano la scuola dall’inizio di febbraio.

Inclusività

Motivo per cui il presidente del Paese, il socialdemocratico Stevo Pendarovski, 58 anni, ha mandato un segnale. Ha scelto Embla a casa questa settimana e l’ha portata a scuola.

“Siamo tutti uguali nella nostra società”, ha detto Pendarovski. “Sono venuto qui per dare il mio sostegno e aumentare la consapevolezza sull’inclusività”. Ha descritto come “inaccettabile” il comportamento delle persone che minacciano i diritti dei bambini.

“Soprattutto quando si tratta di bambini con sviluppo atipico. Non solo meritano gli stessi diritti, ma hanno anche bisogno di sentirsi uguali e benvenuti in classe e nel cortile della scuola. È nostro dovere, come governo, ma anche come individui. La chiave è l’empatia.

READ  Le voci di un'offensiva ucraina provocano disordini (e speranze) nella Melitopol occupata

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *