Il presidente smantella l’America di Trump

Oggi è il primo giorno lavorativo dopo la vittoria elettorale. La data di regolamento di Joe biden Mancano ancora sei settimane, ma il presidente eletto è già al lavoro, e pronto ad agire per segnalare il cambio di rotta che lo porterà a smantellare i cardini dell’amministrazione Risorsa. I 350 membri che ha selezionato una settimana fa per la squadra di transizione hanno posto le basi per garantire la continuità del potere, anche se Trump deve ancora ammettere la sconfitta e continua a proclamarsi vincitore.

IT WEB

Il sito buildbackbetter.com è già attivo e funzionante sul web (ricostruiamolo di nuovo, meglio. Uno degli slogan della campagna appena concluso). Questa mattina vi leggeremo la composizione del nuovo gruppo di lavoro per combattere l’epidemia di coronavirus, una priorità assoluta per la nuova squadra di governo. Biden non ha intenzione di licenziare Anthony Fauci, lo scienziato che dal 1984 è a capo dell’Istituto Nazionale delle Malattie Infettive, ma nelle ultime settimane ha ricevuto newsletter sulla situazione sanitaria del Paese da l’ex ministro della Salute nell’amministrazione Obama. Vivek Murthy e l’ex direttore della FDA David Kessler. Molto probabilmente i due faranno parte del team che avrà il compito di preparare la distribuzione più rapida del vaccino non appena sarà disponibile e monitorare la rapida produzione attraverso un deposito simile a quello che sovrintendeva alla produzione industriale in tempo di guerra. , durante la Presidenza Roosevelt.

I TASTI

Non appena Biden avrà in mano le chiavi del governo, cercherà di centralizzare la risposta all’epidemia, che oggi soffre di troppe disuguaglianze di trattamento a livello locale. Il blocco generale e l’obbligo di nascondersi sono fuori portata, vista l’indipendenza federalista concessa agli Stati. Tuttavia, la maschera potrebbe diventare obbligatoria negli uffici federali, con la speranza che serva da esempio anche all’esterno. Piuttosto, i primi giorni del mandato alla fine di gennaio segneranno la piena capacità di esercitare il potere. Biden farà il suo debutto il primo giorno inviando una lettera alle Nazioni Unite, annunciando il rientro degli Stati Uniti nell’accordo sul clima di Parigi. Il presidente democratico è quindi pronto a revocare le oltre cento ordinanze esecutive con le quali Trump ha ribaltato le precedenti normative che riguardavano la tutela dell’ambiente e la salute pubblica. Sempre con l’arma del decreto ripristinerà la protezione dei parchi pubblici e ripristinerà l’ampliamento di alcuni che il suo predecessore ha ridotto.

VISTI

Biden abolirà il veto sui visti richiesti ai viaggiatori provenienti da Paesi a maggioranza musulmana e riaprirà le porte a chi fugge dai teatri di guerra. Nella sua agenda c’è una rapida revoca del divieto ai lavoratori del settore pubblico di iscriversi ai sindacati e una ricostruzione del bilancio fatiscente per l’assistenza ai senzatetto. Oltre alla questione della costruzione del muro con il Messico. L’arma del decreto è veloce e inconfondibile, e ogni nuovo presidente la sceglie per mostrare in pubblico il nuovo corso. Piuttosto, le riforme più sostanziali richiedono l’approvazione legislativa e, in tal senso, Biden dovrà ancora trattenere il respiro in attesa del ballottaggio in Georgia per i due restanti seggi al Senato. Solo nel fortunato e improbabile caso di una doppia vittoria i democratici potranno contare sul controllo del Senato. Altrimenti, le ambizioni riformiste dovranno fare grandi compromessi con l’opposizione. Sarebbero minacciate nuove riforme fiscali e interventi di politica sociale: dalla ridefinizione delle funzioni di polizia alle misure correttive per la discriminazione razziale.

IL GRUPPO

Per la squadra di governo, Biden nel suo discorso di sabato sera ha promesso una composizione “altrettanto eterogenea e diversificata” come la coalizione di elettori che lo hanno votato, con accesso alle minoranze etniche, a rappresentanti di identità diverse. sessuale e chi è disabile. Il carnè che i media nazionali hanno già messo in atto è pieno di donne, con l’eventuale promozione di Michelle Flournoy a viceministro della Difesa, l’eventuale ma ostacolato ritorno di Susan Rice alla carica di Segretario di Stato, e il arrivo al Trésor di Lael Brainard, ex Fed. Si parla dell’ex senatore dell’Alabama Doug Jones in viaggio verso la giustizia, del ritorno dell’Obamian Rahm Emmanuel, questa volta per il trasporto.

video

Ultimo aggiornamento: 9 novembre, 00:26


© RIPRODUZIONE RISERVATA

READ  il caccia esplode, la petroliera atterra senza carrello di atterraggio e con due motori non funzionanti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *