Il primo ministro uscente Viktor Orbán rivendica una “grande vittoria” in Ungheria |  All’estero

Il primo ministro uscente Viktor Orbán rivendica una “grande vittoria” in Ungheria | All’estero

Rivolgendosi a una folla esultante che cantava il suo nome, Orbán ha detto: “Abbiamo ottenuto una grande vittoria, una vittoria così grande che potresti vederla dalla luna e sicuramente da Bruxelles”.

Durante le elezioni parlamentari ungheresi, l’intera opposizione si è unita contro il primo ministro uscente Viktor Orbán. Sei partiti sono rappresentati nella coalizione di opposizione Uniti per l’Ungheria, dalla destra radicale alla sinistra ecologica.

Orban (58) è primo ministro ungherese per la seconda volta dal 2010. Ha anche governato il paese tra il 1998 e il 2002. Ha limitato la libertà di stampa e, secondo i critici, ha manipolato la democrazia a suo piacimento. Gli sviluppi nel paese sono da anni una spina nel fianco di Bruxelles.

Marki-Zay, 49 anni, era stato scelto dai partiti di opposizione come sfidante di Orbán. Dice di voler rendere il Paese più democratico e difende un approccio più europeista. Secondo lui, le elezioni sono state una scelta tra Orbán e affiliazione con la Russia, o opposizione e affiliazione con l’Occidente. Ha ammesso di aver perso contro Orbán domenica sera. Orbán è uno dei più importanti alleati di Putin in Europa, ha condannato l’invasione dell’Ucraina, ma è andato meno lontano dei suoi colleghi europei.

Gli ungheresi potrebbero anche votare su nuove politiche LGBTI, il che renderebbe quasi impossibile ammettere apertamente qualcosa di diverso dall’eterosessualità. I primi risultati non hanno fornito alcuna guida su questi problemi.

READ  Sanzioni Ue aggirate: "Il commercio fantasma con la Russia è ancora in pieno svolgimento"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *