De Ligt descrive la differenza tra la cultura calcistica in Olanda e in Italia

De Ligt descrive la differenza tra la cultura calcistica in Olanda e in Italia

Matthijs de Ligt nota una seria differenza tra la cultura calcistica in Olanda e quella in Italia. Il risultato è coronato nel Sud Europa, mentre in Olanda il gioco mostrato a volte è ancora più importante.

“Ogni gioco qui è difficile”, osserva De Ligt in una conversazione con CBS Sport† “Se giochi contro il numero quindici in Olanda e non vinci almeno 3-0 i tifosi sono delusi. Nella prima stagione qui alla Juventus abbiamo vinto 1-0 contro l’ultimo numero e tutti erano felicissimi Ho pensato: cosa? Felice?’

“Ovviamente avremmo vinto, ma avremmo dovuto segnare molto di più perché avevamo una squadra molto migliore”, ha aggiunto. “Ma il livello del club è più vicino qui. Questa è la differenza più grande, credo.

Anche De Ligt ha dovuto abituarsi a giocare con le stelle. All’Ajax era una delle roccaforti, ma alla Juventus era un po’ diverso. “All’inizio è stato abbastanza difficile. Sono un ragazzo rispettoso. Forse ho anche avuto troppo rispetto per i ragazzi. Siamo tutti compagni di squadra e bisogna sfidarsi per migliorare. Ad un certo punto, conosci i giocatori e diventi buoni colleghi o amici.

READ  la circolare con le nuove linee guida

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *