Il “re del Donbass” ostacola il sogno ucraino

Il “re del Donbass” ostacola il sogno ucraino

Miniere di carbone, impianti metallurgici (compreso lo stabilimento Azovstal a Mariupol), centrali elettriche, imprese agricole, una banca, la più grande squadra di calcio in Ucraina (Shurtar Donetsk), una società di telecomunicazioni, un giornale e un media multicanale. Appartengono tutti a Rinat Akhmetov. Ha almeno centomila dipendenti.

Non è quindi solo ricco, ma anche molto potente. Secondo esperti ucraini, Akhmetov pratica radiazione circa 100 dei 450 deputati ucraini. Forbes caro la sua ricchezza prima della guerra a circa 11 miliardi di euro.

Akhmetov è il più alto di almeno dieci oligarchi in Ucraina. Sono uomini d’affari che hanno potere nella politica e nei media. Gli oligarchi sono apparsi nei paesi dell’ex Unione Sovietica negli anni 90. Sono diventati ricchi acquistando aziende pubbliche di valore per pochi soldi. L’UE ritiene di avere troppa influenza sulla politica ucraina.

L’adesione all’UE

L’Ucraina è ora candidata all’adesione all’Unione Europea. Per aderire, il paese deve ancora numero di riforme strumento. Uno riguarda gli oligarchi: l’Ue vuole che l’Ucraina riduca il potere politico di uomini d’affari come Akhmetov.

L’Ucraina deve risolvere questo problema con la cosiddetta legge anti-oligarca che Zelensky ha approvato lo scorso anno cartello. La legge qualifica gli uomini d’affari più influenti come oligarchi. Non sono più autorizzati a parlare dietro le quinte con politici e funzionari.

Re del Donbass

Akhmetov ha continuato ad espandere il suo impero commerciale negli ultimi trent’anni, in particolare intorno alla sua città natale di Donetsk. Divenne presidente e proprietario della squadra di calcio Shakhtar Donetsk e fondò la propria banca. Questo gli è valso il soprannome di “Re del Donbass”. Nei primi anni 2000 si è anche impegnato politicamente. Ha finanziato un partito filo-russo (Partito delle Regioni) ed è stato deputato di questo partito dal 2006 al 2012.

READ  Vent'anni (persi) in Afghanistan- Corriere.it

Dal 2011, Akhmetov si è concentrato maggiormente sui media. Ha lanciato cinque canali televisivi e ha acquisito il principale quotidiano Sevodnja (Today). Questi media sono stati spesso accusati di segnalazione parziale sulla politica ucraina. Avrebbero ritratto Akhmetov ei suoi amici politici in una luce molto positiva e avrebbero messo in luce gli scandali che circondano i nemici di Akhmetov.

Altri oligarchi?

Secondo la nuova legge, Akhmetov è un oligarca perché è politicamente coinvolto, gestisce i media e possiede beni significativi. Ma la scorsa settimana, Akhmetov ha annunciato che avrebbe trasferito i diritti di trasmissione di tutti i suoi media al governo ucraino. abbandonare. Poiché chiude i suoi media, non cade più sotto la legge anti-oligarca e può nuovamente interferire più facilmente in politica. “Ho detto molte volte che non sono, non sono o non sarò un oligarca”, ha detto Akhmetov.

Guerra

Akhmetov sostiene attivamente l’Ucraina nella guerra contro la Russia, anche se in passato apparteneva a un partito politico filorusso. Ciò non significa che abbia le peggiori intenzioni per l’Ucraina. Secondo la maggior parte degli esperti, è principalmente per il proprio tornaconto.

Le sue aziende hanno già donato più di 47 milioni di euro in aiuti umanitari e i suoi 100.000 dipendenti in Ucraina vengono ancora pagati. Akhmetov è ancora in Ucraina e non ha intenzione di lasciare il Paese. Ne vede uno anche per le sue attività ruolo importante nella ricostruzione del Paese.

Ma molti ucraini vedono la sua posizione al potere come una minaccia al loro sogno europeo. Se il potere di oligarchi come Akhmetov non diminuisce, ostacolerà l’adesione dell’Ucraina all’UE.

READ  Il tribunale penale di Aja ha giurisdizione sui territori palestinesi - Ultima Ora

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *