Il satellite vede la stella “oscillare”, dopodiché gli astronomi fanno un’entusiasmante scoperta

Il satellite vede la stella “oscillare”, dopodiché gli astronomi fanno un’entusiasmante scoperta

La stella in questione sembra ospitare un enorme pianeta extrasolare. È uno dei pochi esopianeti osservati direttamente fino ad oggi. Ma potrebbe essere in procinto di cambiare.

Nel frattempo, gli astronomi hanno già individuato più di 5.000 esopianeti. La maggior parte di essi, tuttavia, non è direttamente rappresentata. I ricercatori generalmente si affidano a metodi indiretti, deducendo la presenza di un esopianeta guardando la stella madre, sperando di assistere momentaneamente al calo di luminosità della stella. Il telescopio spaziale Gaia potrebbe cambiarlo. Perché grazie a questo satellite, i ricercatori hanno incontrato una stella “traballante”, dopo di che i ricercatori hanno visto apparire davanti ai loro occhi un esopianeta davvero gigantesco.

(Indirettamente
Come accennato, ci sono due modi in cui gli astronomi cacciano gli esopianeti: direttamente e indirettamente. Storicamente, la maggior parte degli esopianeti sono stati scoperti con metodi indiretti. Diretto significa che un telescopio vede effettivamente il pianeta. Attualmente, delle migliaia di esopianeti che conosciamo, solo una ventina sono stati ripresi direttamente. Non sorprende che ce ne siano così pochi. Gli esopianeti sono estremamente difficili da vedere con i telescopi esistenti. Per avere una buona immagine di esso, l’esopianeta deve essere lontano dalla sua stella madre e anche molto più massiccio di Giove, il pianeta più grande del nostro sistema solare. E l’universo purtroppo non crea molti di questi pianeti.

stelle tremolanti
Ma forse Gaia renderà un po’ più facile l’osservazione diretta degli esopianeti ora. Usando questo telescopio, gli astronomi hanno scansionato il cielo notturno, alla ricerca di stelle che letteralmente tremolavano nel cielo. Mentre un pianeta orbita attorno a una stella, la stella oscilla avanti e indietro, aumentando o diminuendo la sua velocità relativa rispetto alla Terra. Pertanto, una stella tremolante può tradire la presenza di un pianeta.

READ  Atalanta-Roma, cancellata tutta la verità sul gol di Palomino: il caos del VAR e la furia di Gasperini | Prima pagina
L’astrometria è un metodo per determinare il moto di una stella misurando con precisione la sua posizione nel cielo. Questa tecnica può essere utilizzata per trovare pianeti attorno a questa stella. Perché quando gli astronomi misurano piccoli cambiamenti nella sua posizione, sanno che la stella potrebbe ospitare un pianeta. Immagine: ESA, CC BY-SA 3.0 IGO

Dopo aver studiato a fondo i dati raccolti, i ricercatori hanno infatti scoperto una serie di promettenti stelle tremolanti, che potrebbero benissimo ospitare un pianeta gigante. Quindi si sono rivolti al Subaru Telescope, situato sull’isola delle Hawaii. E subito dopo, hanno individuato un enorme esopianeta in orbita attorno alla stella HIP 99770.

Scoperta di HIP 99770 b. Immagine: T. Currie (Subaru/UTSA)

ANCA 99770b
L’esopianeta appena scoperto è stato chiamato HIP 99770 b ed è circa sedici volte la massa di Giove, scrivono i ricercatori sulla rivista. Scienza. L’esopianeta orbita attorno a una stella di massa quasi doppia rispetto al nostro sole. Sebbene l’orbita del pianeta sia più di tre volte quella di Giove attorno al sole, riceve quasi la stessa quantità di luce di Giove perché la sua stella madre è molto più luminosa della nostra.

L’esopianeta appena scoperto. Immagine: ESA, CC BY-SA 3.0 IGO

Caratterizzare
Con questa scoperta, i ricercatori dimostrano che con l’aiuto di Gaia è possibile visualizzare direttamente gli esopianeti in un modo molto più semplice. E questo è un importante passo avanti. Inoltre, la scoperta di HIP 99770 ha anche implicazioni più ampie. “Questo non solo mostra come possiamo rilevare più esopianeti, ma mostra anche come possiamo caratterizzarli meglio”, ha detto il coautore dello studio Thayne Currie. In effetti, i metodi di rilevamento diretto e indiretto forniscono informazioni diverse su un pianeta. Utilizzando metodi diretti, gli astronomi possono determinare con precisione la temperatura e la composizione di un pianeta. Nel frattempo, i metodi indiretti forniscono misurazioni accurate della massa e dell’orbita, specialmente se vengono poi combinati con misurazioni della posizione del pianeta mediante osservazioni dirette.

Studi successivi
In breve, la combinazione dei dati di Gaia con le osservazioni del telescopio Subaru offre agli astronomi il meglio di entrambi i mondi. E questo è solo l’inizio. Ora che gli astronomi sanno che il pianeta esiste ed è anche visibile, altri telescopi possono assumersi il compito di analizzare ulteriormente la luce. “La scoperta di questo pianeta porterà a dozzine di studi di follow-up”, ha detto Currie.

READ  Intel condivide il posizionamento di Arc con i partner, modello top A770 a meno di 400 euro

Inoltre, è probabile che si verifichino molte altre scoperte. HIP 99770 è stata una delle prime stelle ad essere studiata. Currie e il suo team stanno attualmente analizzando i dati di circa altre 50 stelle. E ciò che hanno visto finora suggerisce che sono in arrivo altre scoperte di esopianeti ancora sconosciuti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *