Il secondo sospettato degli accoltellamenti mortali in Canada muore dopo l’arresto all’estero

Il secondo sospettato degli accoltellamenti mortali in Canada muore dopo l’arresto all’estero

Myles Sanderson, il 30enne sospettato dell’accoltellamento mortale in Canada, è morto mercoledì poco dopo il suo arresto da parte della polizia. Si è ammalato nell’auto della polizia. Questo pone fine a una caccia all’uomo di quattro giorni.

La morte di Sanderson è stata ufficialmente confermata in ospedale, ha annunciato il servizio di polizia del Saskatchewan in una conferenza stampa. Poco prima di mezzanotte (ora olandese) è stato annunciato che era stato arrestato.

La polizia ha risposto alla denuncia di un veicolo rubato guidato da un uomo armato di coltello. Gli agenti hanno portato il veicolo in un ingorgo, dopodiché è uscito di strada. Secondo una persona coinvolta, Sanderson si è poi suicidato, ma ciò non è stato confermato dalla polizia. Rhonda Blackmore, vice commissario della Royal Canadian Mounted Police, ha affermato che un’autopsia dovrebbe determinare la causa esatta della morte.

Da domenica la polizia è impegnata in una massiccia caccia all’uomo per Sanderson, che insieme a suo fratello Damien è sospettato di aver accoltellato a morte 10 persone e di aver ferito altre 18 nelle comunità indigene della Cree Nation di James Smith e Weldon. Damien è già stato trovato morto con ferite visibili. Myles è anche sospettato di aver accoltellato a morte suo fratello.

La polizia ha detto poco dopo l’arresto che la minaccia alla comunità nella provincia del Saskatchewan era passata con l’arresto. Le motivazioni degli uomini non sono state ancora rivelate. Sei dei dieci morti hanno lo stesso cognome, ha detto ieri la polizia canadese. Non è noto se sono correlati. Le vittime hanno tra i 23 ei 78 anni.

READ  La Scozia chiede il secondo voto per l'indipendenza entro il prossimo anno

Leggi di più sotto la foto

PAPÀ

©AP

Non è chiaro se il movente diventerà chiaro ora che i due sospetti non sono più vivi. “Abbiamo già parlato con oltre cento testimoni e non è ancora emerso alcun motivo. Questo potrebbe rimanere un mistero per sempre”, ha detto Blackmore.

passato criminale

In precedenza, si sapeva di più sui precedenti criminali di Myles Sanderson. Secondo i media canadesi, è stato ritenuto colpevole, tra le altre cose, di aggressione, minacce, furto e aggressione a un agente di polizia. Era in libertà vigilata dal carcere da febbraio, dove aveva scontato più di quattro anni di carcere per aggressione e furto. I leader indigeni della James Smith Cree Nation ritengono che gli accoltellamenti possano essere collegati a crimini legati alla droga.

I genitori del sospettato gli hanno chiesto di comparire in un’intervista con CBC News ieri. “Myles, ragazzo, per favore, fai la cosa giusta e torna indietro”, disse sua madre. Suo padre ha fatto la stessa richiesta, “sperando che nessun altro si faccia male”. Entrambi si sono scusati. «Vorrei averlo sognato», disse il padre.

Le prime segnalazioni di accoltellamenti mortali sono arrivate alle 5:40 di domenica mattina nella James Smith Cree Nation nella provincia canadese del Saskatchewan. Alle 3:30 ora locale di mercoledì pomeriggio, la caccia all’uomo di quattro giorni si è conclusa con l’arresto e la successiva morte di Myles vicino a Rosthern, a più di un’ora di auto dal luogo in cui sono avvenuti gli accoltellamenti, ha detto la polizia.

Guarda i nostri video di notizie nella playlist qui sotto:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *