Il sostegno cinese alla Russia non tarda ad arrivare: Pechino divisa sulla guerra

Un nuovo “accordo contro l’Occidente”: un nuovo accordo tra il leader cinese Xi Jinping e il presidente russo Vladimir Putin è stato descritto all’inizio del mese scorso. Ma solo un mese dopo, le relazioni tra Cina e Russia sono messe a dura prova dall’invasione russa dell’Ucraina.

All’inizio di febbraio, con il rafforzamento militare lungo il confine con l’Ucraina già ben avviato, il presidente russo Putin si è seduto sugli spalti ai Giochi invernali di Pechino come ospite d’onore. Lì, sembrava già fare un gesto verso gli ucraini addormentandosi improvvisamente all’arrivo della loro nazionale. Poco prima si era recato a Xi, dove era stato firmato l’accordo. I due leader hanno parlato di “un’amicizia che non conosce confini”.

crescere insieme

I due paesi sono ormai da tempo sempre più vicini. Gli scambi reciproci hanno raggiunto livelli record lo scorso anno, e hanno anche molto in comune politicamente: Mosca e Pechino tollerano sempre meno un’opposizione politica. Pensa alla repressione delle proteste da parte cinese a Hong Kong o alla detenzione del politico Alexei Navalni in Russia.

A causa di questo forte legame, la Cina parla ufficialmente a bassa voce della guerra in Ucraina. Ad esempio, la parola “guerra” non è usata, ma parla della “situazione in Ucraina”. I media statali evitano anche termini come “invasione” e invariabilmente si riferiscono all’espansione della NATO come la principale causa del conflitto. Tutto questo è come la vede la Russia.

“Il conflitto non è nell’interesse della Cina”

Evoca, tra l’altro, i buoni legami che Pechino ha sia con la Russia che con l’Ucraina. Non vuole schierarsi tra due stati amici. Mahoney ha affermato: “La Cina è particolarmente vulnerabile agli aumenti dei prezzi del grano e del petrolio a seguito di questo conflitto. Inoltre, è stata criticata a livello internazionale per non aver criticato apertamente le azioni di Mosca e aver partecipato alle sanzioni. Questi sono sacrifici importanti per la Cina.

Nel frattempo, l’Ucraina è l’argomento di conversazione della città tra i cinesi. Su Weibo, la versione cinese di Twitter, gli argomenti più caldi sono legati alla guerra. Ci sono preoccupazioni per i molti cinesi che risiedono in città come Kiev e Kharkiv. Stanno anche seguendo da vicino gli sviluppi che circondano il conflitto.

Ciò che colpisce è che le espressioni di sostegno all’Ucraina sono ampiamente condivise, ma spesso represse dalla censura. E questo mentre i messaggi che sostengono in particolare il campo russo rimangono spesso in piedi.

Critiche alla censura di Putin

Una lettera aperta di diversi importanti professori universitari cinesi è stata rapidamente cancellata, probabilmente perché condannava l’aggressione russa ed esprimeva sostegno agli ucraini. Hanno anche chiesto al proprio governo di condannare l’invasione. Uno degli autori della lettera ha detto all’agenzia di stampa Reuters: “È un’invasione. Come dice il proverbio cinese, non puoi chiamare un cervo un cavallo”.

Storia reciproca piena di conflitti

I due paesi hanno una storia reciproca a scacchi. L’attuale rapporto di amicizia non è quindi scontato: nel corso dei secoli si sono succedute dispute ideologiche oltre che territoriali e persino conflitti. Ad esempio, l’estremo oriente della Russia, l’area intorno alla città di Vladivostok, un tempo faceva parte dell’impero cinese. Alcuni nazionalisti cinesi la chiamano ancora “ingiustizia storica”.

Quindi è un rapporto di alti e bassi. Ma indovina un po’: la Cina ha buone relazioni con Russia e Ucraina, e non ha intenzione di sacrificare l’una per l’altra – “tratta con l’Occidente” o no.

Leggi anche:

Sottosopra, attraversalo: ecco come la foto di una donna cinese incatenata è sfuggita alla censura

Roland Smith

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.