Il Sudafrica supera il picco di Omicron: “Aumento marginale dei morti e pochi ricoveri”

E se fosse vero che Omicron, come sostengono diversi esperti, renderebbe SarsCov2 un virus endemico molto meno spaventoso?

Dati incoraggianti in tal senso provengono dal Sud Africa, dove è stata scoperta la variante. Il picco dell’onda è stato superato senza un aumento significativo dei decessi, a conferma che l’aggressività della mutazione è più contenuta.

“Tutti gli indicatori suggeriscono che il Paese ha probabilmente superato il picco della quarta ondata”, ha affermato la presidenza sudafricana, segnalando che i nuovi contagi sono diminuiti del 30% in una settimana e annunciando la rimozione di alcune restrizioni, come il coprifuoco. notte.

“C’è stato un aumento marginale del numero di decessi in tutte le province”, ha aggiunto, rilevando anche che “i tassi di ospedalizzazione sono inferiori rispetto alle precedenti ondate, nonostante l’elevata trasmissibilità di Omicron”.

Parole che aprono importanti spiragli di ottimismo e confermano che la variante sembra davvero meno pericolosa delle precedenti.

IN EUROPA – Anche in alcune parti d’Europa stiamo iniziando a vedere un’inversione di tendenza. È il caso della Germania, dove il principale esperto di Covid, Christian Drosten, si è detto ottimista sul fatto che il Paese possa aspettarsi un inverno “relativamente normale”. Con una “situazione endemica” più paragonabile a un semplice virus del raffreddore o dell’influenza, ha spiegato il capo virologo della Charité di Berlino.

Stesso approccio in Gran Bretagna, ma con toni più allarmistici visto l’altissimo numero di contaminazioni (ieri oltre 160.000). Dovremo imparare a “convivere” con il Covid nel 2022, ha spiegato il ministro della Salute Sajid Javid, specificando che le restrizioni alla libertà “devono essere l’ultima risorsa”.

READ  'American Patriots': il tweet di Ivanka Trump ai manifestanti del Campidoglio è tempestoso

Nel resto d’Europa i segnali di un allentamento della curva arrivano dai paesi del Centro-Est. Dalla Polonia all’Ucraina, dalla Bulgaria alla Romania, dalla Slovacchia all’Ungheria, tutti condividono un calo dei contagi su base settimanale.

(Unioneonline / L)

© Tutti i diritti riservati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.