Il teatro era un intrattenimento per Willem Nijholt.  Non aveva bisogno di salsa santa per quello

Il teatro era un intrattenimento per Willem Nijholt. Non aveva bisogno di salsa santa per quello

Stava ancora lavorando alle sue memorie teatrali, che sarebbero apparse quest’anno. Willem Nijholt ha scritto in precedenza, tra le altre cose Un desiderio impaziente (2017) sulla sua giovinezza dentro e dopo il campo giapponese e la sua emergente omosessualità negli anni ’50.

Nijholt, morto nel sonno nella sua casa di Amsterdam venerdì mattina, aveva 88 anni. Per oltre cinquant’anni ha recitato, ballato e cantato e interpretato i ruoli di innumerevoli personaggi. Ha interpretato i suoi primi ruoli televisivi in Oebele E Può dirmi la strada per Hamelin, signore? È anche apparso in produzioni importanti come la serie televisiva La forza silenziosa E Guglielmo d’Orange e musical come Cabaret, Signorina Saigon E Oliviero.

“Tre anni infernali”

Nel frattempo, ha corrisposto con Hella Haasse e Gerard Reve. Come Haasse, Nijholt è nato a Giava e ha trascorso la sua infanzia nelle Indie orientali olandesi. Haasse partì per l’Olanda nel 1938. Ma lui, di sedici anni più giovane, sopravvisse alla guerra nelle Indie orientali olandesi e si ritrovò con la madre in un campo dove, come dice lui stesso, come quel “ragazzino”, era un oggetto sessuale per un soldato giapponese.

Non fu rilasciato fino al gennaio 1946, all’età di undici anni. Furono tre anni infernali, avrebbe detto più tardi. “Non sopporto ancora le uniformi, le persone rumorose. Ho vissuto a lungo in un mondo immaginario, senza dubbio per dimenticare tutta la miseria del campo. Nella cassetta della posta Con il cuore che batte dal 2011 scrive ad Haasse delle Indie orientali olandesi, delle sue esperienze nel campo e del suo amore per il teatro. Alla scuola di recitazione, è stato in grado di esprimersi e mostrare diversi lati di sé.

Era innamorato di Reve, che all’inizio non si era accorto di lui, follemente innamorato. “Penso che pensasse che fossi troppo gay”, disse in seguito Nijholt. Alla fine, Reve vuole addirittura sposare l’affascinante e infantile Nijholt e “tenerlo prigioniero”. Le lettere che si scrivevano finirono in un libro di lettere di cui Nijholt in seguito si pentì. Ha avuto reazioni spiacevoli.

Guillaume Sonneveld

Il periodo migliore della sua carriera è stato il suo periodo con il cabarettista Wim Sonneveld nei primi anni 70. Con Corry van Gorp. Nijholt ha detto: “C’era un tale sentimento di unità. Abbiamo giocato in tre e potevamo passare la palla. Nel suo lavoro si mostrava un perfezionista e non si accontentava facilmente. Allo stesso tempo, era uno che spesso si prendeva gioco di se stesso, che aveva autoironia e senso dell’umorismo.

I critici a volte lo trattavano con disprezzo e non lo prendevano sul serio, poiché recitava anche nei musical di Joop van den Ende. Lo ha fatto incazzare. “Siamo onesti”, disse a Coen Verbraak nel 1992, “il teatro è solo intrattenimento, intrattenimento. È ridicolo che ci si versi sopra una salsa così sacra. Recitare significa semplicemente assicurarsi che il teatro di Tilburg o di Goes abbia una serata fantastica.’

L’ultimo ruolo televisivo di Nijholt è stato quello del boss della mafia Henk Ooms nella seconda stagione della popolare serie poliziesca Penosa nel 2013.

A partire dal 2018, Nijholt, allora 83enne, non voleva più apparire nella pubblicità. “Voglio passare il resto della mia vita con la mia famiglia”. Lo ha fatto, tra gli altri, con il suo compagno Ben Swibben, che era con lui dal 1977.

Opium ritrasmesso con Willem Nijholt

AVROTROS ha mandato in onda una replica dello spettacolo venerdì sera su NPO 1 in relazione alla morte di Willem Nijholt Oppio. Nell’episodio in questione, risalente al 2011, l’attore era centrale. Il programma può essere visualizzato tramite NPO Plus.

Il presentatore Cornald Maas ha parlato con Wieteke van Dort, Joop van den Ende, Annemarie Oster e Gerrie van der Klei, tra gli altri, della sua giovinezza e dei suoi ruoli di successo in musical come Foxtrot, Cabaret e Miss Saigon.

Leggi anche:

“Tutti noi abbiamo un ruolo nella vita pubblica, no?
Willem Nijholt ha imparato a suonare in tenera età. È sopravvissuto ai suoi anni nel campo interpretando un ruolo.

READ  Lil Kleine non si appellerà alla punizione per abuso di club | Dimmi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *