Il vertice storico inizia in un luogo simbolico nel deserto israeliano del Negev

Il vertice storico inizia in un luogo simbolico nel deserto israeliano del Negev

È iniziato un incontro con i ministri degli Esteri di quattro paesi arabi nel deserto israeliano del Negev. È la prima volta che ministri di Egitto, Marocco, Emirati Arabi Uniti (Emirati Arabi Uniti) e Bahrain si incontrano in Israele per una visita ufficiale. Anche il Segretario di Stato americano Blinken si è unito.

L’incontro si svolgerà oggi e domani in un luogo simbolo del deserto: il Kibbutz Sde Boker, dove è sepolto il primo primo ministro israeliano David Ben Gurion. Ben Gurion è considerato in Israele il padre del paese. Il programma di stasera è una cena comune, e domani ci sono i colloqui ufficiali e una conferenza stampa.

Non è detto che dal Vertice scaturiranno decisioni o misure concrete. Ma per Israele, il solo fatto che questi colloqui abbiano luogo è una spinta diplomatica. Qualche anno fa, il vertice sarebbe stato inimmaginabile. Il premier israeliano Naftali Bennett ha già parlato di una “giornata storica”.

Fino a poco tempo, Emirati Arabi Uniti, Bahrain e Marocco non avevano relazioni diplomatiche ufficiali con Israele, a causa del conflitto tra Israele ei palestinesi e della continua occupazione israeliana del territorio palestinese. Le cose sono cambiate nel 2020, quando gli Emirati Arabi Uniti e il Bahrain hanno firmato i cosiddetti Accordi di Abraham con Israele, mediati dall’allora presidente degli Stati Uniti Trump. Il Marocco seguì nello stesso anno. L’Egitto ha fatto pace con lo stato ebraico nel 1979.

Iran importante argomento di discussione

I colloqui si svolgono in gran parte a porte chiuse in un albergo, ma è chiaro che l’Iran è uno dei principali temi di discussione. I vari partecipanti hanno in comune di considerare il regime iraniano come la più grande minaccia nella regione. L’incontro può quindi essere visto come un segno di unità e cooperazione degli ancora giovani alleati nei confronti dell’Iran.

READ  In Kazakistan la rivolta contro il regime è stata ampiamente repressa

Israele e gli stati arabi del Golfo condividono i timori che l’Iran stia progettando di sviluppare armi nucleari. L’Iran afferma di perseguire solo obiettivi pacifici con il suo programma nucleare, a cui Israele ei suoi alleati non credono. I paesi sono quindi diffidenti nei confronti degli sforzi degli Stati Uniti per raggiungere un nuovo accordo con l’Iran sulla riduzione del programma nucleare iraniano in cambio dell’allentamento delle sanzioni economiche. Un tale accordo sarebbe nel frattempo essere a portata di manoi negoziatori hanno detto questa settimana.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *