Il Vietnam non vede più la comunità LGBTIQ+ come “malata” |  ADESSO

Il Vietnam non vede più la comunità LGBTIQ+ come “malata” | ADESSO

Il governo vietnamita ha stabilito che le persone della comunità LGBTIQ+ non soffrano di alcuna malattia e dovrebbero essere trattate con rispetto, scrive Il guardiano. La decisione è una svolta nel paese solitamente conservatore.

Il ministero della salute del Vietnam afferma che i medici dovrebbero trattare le persone della comunità LGBTQ+ con rispetto. Il ministero ritiene inoltre che non debbano essere discriminati.

Le autorità nazionali hanno scritto in una dichiarazione alle organizzazioni sanitarie locali all’inizio di questo mese che le persone nella comunità LGBTIQ+ “certamente non soffrono di alcuna malattia” e quindi non possono essere curate.

Gli operatori sanitari non dovrebbero forzare il trattamento dei pazienti LGBTIQ+, ha scritto il ministero. Se è necessario supporto, l’aiuto psicologico dovrebbe essere fornito solo da medici che conoscono l’identità sessuale.

Questa svolta è il risultato di anni di campagne da parte di gruppi di attivisti LGBTQ+. Come molti altri paesi del sud-est asiatico, il Vietnam ha finora adottato una politica conservatrice nei confronti della comunità LGBTQ+.

Singapore questa settimana approva una legge che vieta il sesso tra uomini cancellato. Anche il Vietnam sta facendo un passo avanti nella promozione dei diritti della comunità LGBTQ+. “Non possiamo sopravvalutare quanto questo annuncio compensi”, ha affermato Human Rights Watch.

READ  Vluchtelingen in 'Djokovic-hotel' wachten al negen jaar op vrijheid

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *