In pericolo il raffreddamento della centrale nucleare di Zaporizhia dopo lo scoppio della diga

In pericolo il raffreddamento della centrale nucleare di Zaporizhia dopo lo scoppio della diga

Centrale nucleare di Zaporizhia

Notizie ONS

La distruzione della diga di Kakhovka ha conseguenze per il sistema di raffreddamento della centrale nucleare ucraina di Zaporizhia, ma per ora un sistema di raffreddamento alternativo offre la salvezza, secondo l’AIEA. L’acqua di raffreddamento viene attualmente prelevata dal serbatoio dietro la diga, ma il livello dell’acqua sta scendendo rapidamente. Questo è sufficiente per alcuni giorni, dice l’AIEA. Successivamente, devi spostarti in un altro serbatoio di acqua di raffreddamento. Attualmente si stima che questo sia sufficiente per diversi mesi di raffreddamento, afferma il direttore generale dell’AIEA Rafael Grossi.

Per ora è quindi disponibile acqua di raffreddamento sufficiente, ma Grossi ne sottolinea l’importanza per la sicurezza degli impianti. “Se non rimane acqua di raffreddamento nei sistemi di raffreddamento per un lungo periodo di tempo, ciò porterà al guasto dei generatori diesel di emergenza e allo scioglimento delle barre di combustibile”, lui dice.

Anche Joost van den Broek, esperto nucleare di NRG Petten, sottolinea l’importanza del raffreddamento in una centrale nucleare. “Non appena una o più barre di combustibile si sciolgono, può portare al rilascio di materiale nucleare, se anche altre barriere di sicurezza falliscono”.

Riempi i serbatoi al massimo

L’esplosione della diga colpisce principalmente il “normale” sistema di raffreddamento della centrale nucleare. A causa della rottura della diga, l’acqua nell’invaso vicino alla centrale sta scendendo di circa 5 centimetri all’ora. Questa mattina presto, il livello dell’acqua era a 16,4 metri. Se scende sotto i 12,7 metri, non può più essere pompato all’impianto.

“Al momento stanno cercando di riempire al massimo tutti gli impianti di stoccaggio nel sistema di raffreddamento”, afferma Mark van Bourgondiën dell’Autorità per la sicurezza nucleare e la protezione dalle radiazioni, l’ente regolatore olandese per le centrali nucleari. “Se l’acqua nel serbatoio scende al di sotto del punto di ingresso, devono passare ad altre fonti di acqua di raffreddamento, come l’acqua di raffreddamento del laghetto”. Questo bacino di raffreddamento è attualmente ben riempito, secondo Van Bourgondiën.

READ  Afghanistan: le truppe Usa arrivano a Kabul - Ultima ora

La diga si trova a circa 120 chilometri dalla centrale nucleare in linea d’aria e porta l’acqua dal Dnepr. Questo è il principale sistema di raffreddamento. Il backup è un bacino sopraelevato con acqua di raffreddamento accanto alla centrale elettrica. Questo serbatoio è profondo circa 16,6 metri, secondo l’agenzia energetica ucraina Energatom.

  • ILLUMINATO

    Bacino di raffreddamento della centrale nucleare di Zaporizhia
  • ILLUMINATO

    La centrale nucleare di Zaporizhia si trova a circa 120 chilometri dalla diga di Kakhovka in linea d’aria

La quantità di acqua nella vasca di raffreddamento dovrebbe quindi essere sufficiente per diversi mesi, tanto più che la centrale nucleare genera attualmente relativamente poco calore. Quattro dei sei reattori sono stati spenti più di un anno fa, richiedendo molto meno raffreddamento rispetto ai reattori in funzione. “Ciò rappresenta meno dell’1% della domanda di raffreddamento rispetto ai reattori pienamente operativi”, afferma Van Bourgondiën.

Fino a poco tempo, altri due reattori erano situati in un cosiddetto spegnimento a caldo, quindi possono ancora fornire vapore e calore da utilizzare nella stessa centrale nucleare e nelle vicine case Energodar. Anche gli ultimi due reattori sono stati spenti.

Il capo dell’AIEA Grossi ha invitato le parti in conflitto a lasciare stare il raffreddamento: “È fondamentale che lo stagno rimanga intatto”. Anche Van den Broek di NRG vede la vulnerabilità qui. “Il serbatoio ora diventa molto cruciale. Se perde in qualsiasi modo, devi fare affidamento su vere risorse di emergenza”.

Cita, ad esempio, l’approvvigionamento idrico tramite camion. Secondo Van den Broek, la situazione è così precaria anche perché la sicurezza è in questione in altre zone. “L’alimentazione è stata attaccata, ci sono molte meno persone che lavorano, ci sono combattimenti intorno alla centrale. Diversi strati sono costruiti in una centrale nucleare per garantire la sicurezza, che vengono quindi staccati strato dopo strato. È estremamente indesiderabile.”

READ  India muore durante il suo matrimonio, sostituita dalla sorella minore - Corriere.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *