Infermiera britannica sospettata di aver avvelenato e ucciso sette bambini |  ADESSO

Infermiera britannica sospettata di aver avvelenato e ucciso sette bambini | ADESSO

Un’infermiera britannica di 32 anni è sospettata di aver ucciso sette bambini avvelenandoli. Si dice che l’infermiera, Lucy Letby, abbia iniettato insulina, aria e latte a 17 neonati.

Si ritiene che gli avvelenamenti siano avvenuti tra giugno 2015 e giugno 2016 in un ospedale nel nord dell’Inghilterra. Secondo il pm, l’infermiera presente nella stanza di incubazione era una “presenza malevola costante”, secondo il rapporto. Custode.

Secondo l’accusatore, c’è stato un “aumento significativo” del numero di bambini che muoiono da quando l’infermiera è entrata in ospedale nel 2015. Inoltre, Letby sarebbe stata l’unica infermiera presente ogni volta che qualcosa non andava inspiegabilmente con i neonati.

Uno dei bambini aveva solo 24 ore quando Letby gli avrebbe iniettato aria. A soli 90 minuti dall’inizio del suo turno, il ragazzo è morto. Secondo il pubblico ministero, il giorno successivo ha tentato di uccidere la sorella gemella.

Il caso è in tribunale a Manchester e sarà deciso da una giuria. Lunedì ai membri di quella giuria è stato anche detto che Letby aveva un “interesse insolito” per i genitori e li ha seguiti su Facebook. L’infermiera stessa nega tutte le accuse. La giuria deciderà tra sei mesi.

READ  "Abbiamo bisogno di un blocco severo per 14 giorni"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *