Shinzo Abe è sepolto, le critiche contro l’ex primo ministro giapponese si gonfiano

SCIMMIA

Notizie ONS

  • Anoma van der Veere

    Corrispondente in Giappone

  • Anoma van der Veere

    Corrispondente in Giappone

“È ridicolo che quest’uomo abbia un funerale di stato”, ha detto uno delle centinaia di manifestanti radunati fuori dalla trafficata stazione di Shinjuku nel centro di Tokyo. Domani ci sono i funerali di stato del premier giapponese Shinzo Abe, abbattuto, ma lo shock dell’attentato di due mesi fa si è trasformato in rabbia. Tuttavia, non prende di mira l’aggressore, ma il partito politico che l’ex premier ha guidato per anni.

Tetsuya Yamagami, l’uomo che ha sparato all’ex primo ministro Abe in mezzo alla strada durante un discorso elettorale, afferma di averlo fatto a causa dei legami del politico con la Chiesa indiana: “Unificazione, una setta religiosa meglio conosciuta come i Moonies. La madre dell’autore del reato sarebbe stata costretta a donare ingenti somme alla chiesa, lasciando la famiglia in povertà.

È stato quindi imbarazzante per il Partito Liberal Democratico, il partito al governo in Giappone, che questa accusa si sia rivelata vera. Non solo Abe, ma anche suo padre e suo nonno avevano forti legami con la setta. Quasi la metà dei parlamentari del partito sembra addirittura avere un legame con i Moonies. Più del 60% dei giapponesi è ora contrario ai funerali di stato.

Amato all’estero, odiato a casa

I media internazionali parlano spesso positivamente dell’eredità dell’ex primo ministro. Ma il contrasto tra il suo apprezzamento internazionale e la sua popolarità nazionale è notevole. “È controverso in Giappone”, ha detto Koichi Nakano, professore di scienze politiche alla Sophia University di Tokyo. “Poiché il primo ministro Kishida ha deciso di non tenere i funerali di stato fino a due mesi dopo la sua morte, il popolo giapponese ha avuto un bel po’ di tempo per riflettere su ciò che esattamente Abe ha realizzato”.

La conclusione: non molto. “Favorismo, scandali di corruzione, disprezzo per i principi democratici e la costituzione, ecc. Il fatto che il signor Abe avesse anche uno stretto rapporto con la Chiesa dell’Unificazione ha spezzato la schiena al cammello”, dice Nakano.

Dietro l’angolo del funerale, i manifestanti tengono cartelli con slogan come “Abe è un seguace di una setta!” e “Questo funerale è una pubblicità per la Chiesa dell’Unificazione”. All’unisono, gridano “ferma il funerale!”

I funerali legittimano un culto

Yasuo Kawai è un avvocato a Tokyo e ora ha rappresentato in tribunale dozzine di vittime della Chiesa dell’Unificazione. “Sono sfruttatori”, dice. “Uno dei miei clienti era un uomo ricco, un agente immobiliare con più case. Si è trasferito lentamente in chiesa. Ha perso la sua casa, la sua macchina e alla fine la sua famiglia, ritrovandosi indebitato. È andato tutto alla chiesa”. Secondo Kawai, non è raro che succeda: “Ho sentito troppe volte la storia della madre dell’aggressore. I Moonies sono senza scrupoli.

Più costoso del funerale di Elisabetta II

I legami dei parlamentari con i Moonies non sono l’unico motivo per cui i giapponesi si sono rivolti contro i funerali di stato. “Non puoi immaginare, ma questo funerale costa più del funerale della regina d’Inghilterra”, accusa uno dei manifestanti. Questa è un’accusa popolare tra coloro che si oppongono ai funerali. “Quei soldi sarebbero potuti tornare anche da noi. Il popolo giapponese”, continua, frustrata.

Secondo il governo, la cerimonia costerà più di 11 milioni di euro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.