Intelligenza artificiale, 8,4 milioni di lavoratori a rischio: l’allarme di Hamelin Prog

Intelligenza artificiale, 8,4 milioni di lavoratori a rischio: l’allarme di Hamelin Prog

L’Intelligenza Artificiale minaccia il lavoro di 8,4 milioni di italiani, secondo l’associazione Confartigianato. Secondo un recente studio, il 36,2% degli occupati in Italia subirà l’impatto delle trasformazioni tecnologiche e dell’automazione. La Lombardia e il Lazio risultano essere le regioni più esposte a questa problematica.

A livello europeo, Germania e Francia affrontano una percentuale di lavoratori a rischio superiore rispetto all’Italia. Tuttavia, il Lussemburgo è il Paese del Vecchio Continente che vanta la più alta percentuale di lavoratori in bilico.

Le professioni più a rischio sono quelle qualificate, ad alto contenuto intellettuale e amministrativo. Tuttavia, secondo la consulenza di Di Domenico del Bcg, le imprese italiane si dimostrano resilienti e capaci di adattarsi velocemente a questa nuova realtà.

In Italia, il 25,4% dei lavoratori, pari a 1,3 milioni di persone, è a rischio a causa dell’IA. Le piccole imprese, con meno di 49 dipendenti, hanno una percentuale del 22,2% di lavoratori in pericolo. La Lombardia è la regione più colpita, seguita dal Lazio, Piemonte e Valle d’Aosta.

Tuttavia, alcune aziende hanno tratto vantaggio dall’implementazione dell’IA per ottimizzare i propri processi di business. L’IA viene considerata un mezzo da governare intelligentemente per garantire il progresso dell’artigianato.

Nonostante i rischi, l’intelligenza artificiale non può sostituire la creatività e le competenze degli imprenditori italiani. Questo aspetto rimane un valore aggiunto che solo l’essere umano può apportare.

READ  Mattarella firma il decreto sugli straordinari profitti. Le banche si preparano, Moodys boccia la tassa - Notizie su Tiscali

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *