Inter: Zhang piazza Conte al primo posto, ma lo ha fatto anche con Spalletti … | Prima pagina

Se il rapporto con il management non è roseo, quello con Steven Zhang è sicuramente migliore. Antonio Conte e Beppe Marotta avevano divergenze, probabilmente non del tutto superate, e ad oggi i dialoghi più intensi, l’allenatore, li mantiene indubbiamente con il presidente. Un accordo nato alla vigilia del celebre raduno di Villa Bellini, quello che si è svolto alla presenza di tutta la dirigenza: Antonello, Marotta, Ausilio e anche Cappellini, sempre più dentro le dinamiche del club.

AL TUO SENTIMENTO – In questa occasione il segnale di Zhang è stato chiaro, incontrare prima l’allenatore separatamente è stato come offrirgli un attestato di stima. Come metterlo in una situazione comoda considerando le differenze con il management e anche i disaccordi furono resi pubblici. Prima parliamo, poi ci riuniamo con gli altri.

Nasce così un sentimento di esclusività tra i due, con il presidente nerazzurro che a Villa Bellini ha voluto mettere ogni persona davanti alle proprie responsabilità. Lui è il nostro allenatore, abbiamo investito molto per averlo e ora è il momento di credere in lui, dopo un secondo posto e la finale di Europa League. Quindi risolvi i tuoi problemi e andiamo avanti. Questo è il senso del discorso, che però ha sancito solo una tregua tra le parti. Tra Conte e Zhang, invece, il rapporto è forte. I due si sentono e si scontrano. L’allenatore si sente protetto, sensazione che anche Spalletti conosceva all’epoca.

READ  "Giocatori della categoria più provata, dovete capire come sono andate le cose"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *